/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 16 maggio 2018, 10:24

Imperia: siglato il ‘patto per l’attuazione della sicurezza urbana’ tra Comune e Prefettura. Verrà ampliato il sistema di video-sorveglianza cittadino

Per l’implementazione del servizio di videosorveglianza cittadino e la sostituzione delle telecamere oramai obsolete e addirittura guaste, occorrerà un impegno di spesa di almeno 120/130 mila euro

È stato approvato dalla giunta comunale il ‘patto per l’attuazione della sicurezza urbana’ siglato tra Comune e Prefettura contenente strategie congiunte, volte a migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini e a contrastare ogni forma di illegalità, favorendo così l’impiego delle Forze di Polizia per far fronte ad esigenze straordinarie del territorio.

Il Comune di Imperia intende rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità ed in particolare collocare un varco per il controllo degli accessi veicolari in via Serrati, intersezione con Via Diano Calderina, come da richiesta della Questura ed implementare la videosorveglianza nelle frazioni, per verificare eventuali azioni delittuose (in particolare contrasto dei furti in abitazione) e insediamenti di stranieri o senza fissa dimora.

L’implementazione della videosorveglianza verrà attuato come di seguito indicato nel documento:

- Via Moltedo, intersezione via Montegrazie, n° 2 telecamere megapixel che permettono di visualizzare il traffico da e per le citate frazioni.

- Via Dolcedo intersezione Strada Colla (Loc. Bastera), n. 2 telecamere megapixel per permettere le visualizzazione da e per la strada provinciale per Dolcedo-Prelà.

- Piazza De Amicis – frazione Poggi n° 2 telecamere megapixel che permettano di visualizzare, oltre al traffico della frazione, anche la piazza principale.

- Via Don Bellone, prima del ponte di ferro, n° 1 telecamera megapixel per il controllo del traffico da e per la frazione di Borgo d'Oneglia.

- Via T. Littardi – Rotonda svincolo A10 - Imperia Ovest, n. 2 telecamere megapixel che possa sorvegliare i veicoli provenienti sia dall'uscita autostradale che quelli in direzione delle frazioni Piani, Clavi e Torrazza nonchè la proviciale per Dolcedo-Prelà.

- Via F.R. Carli, all'altezza della chiesa di S.Luca e Via San Luca, n. 1 telecamera megapixel, in quanto trattasi di percorso alternativo per raggiungere la località di Diano Gorleri e quindi il comune di Diano Marina, inoltre in questa zona risultano installati diversi tralicci per le telecomunicazioni (Pino del Rosso).

- Via Garessio, intersezione rotonda autostradale Via F. Musso e Via Andreoli, con n° 2 telecamere megapixel, da collocarsi sul ponte del rio Oliveto parte a ponente, che possa sorvegliare i veicoli provenienti sia dall'uscita autostradale che i transiti su via Nazionale che quelli in direzione delle frazioni di Costa d'Oneglia e Oliveto.

- Via S. Agata, rotonda ospedale civile, n° 3 telecamere megapixel da collocarsi su palo della pubblica illuminazione già esistente in centro alla rotonda, che permettano la visualizzazione del traffico da e per la frazione di S. Agata nonché i transiti nell'area dell'ospedale.

- Via G. Airenti, presso la rotonda, sede della protezione civile comunale, n 2 telecamere megapixel installate sulla parete dell'edifico che permettono una visualizzazione del traffico da e per la frazione di Caramagna.

- Ponte Impero, lato levante intersezione con Via Argine Sinistro, n° 2 telecamere megapixel, località più trafficata e percorso alternativo per raggiungere la strada statale 28 e l'autostrada.

- Viale Matteotti, intersezione viale delle Rimembranze e Via Siffredi, n° 3 megapixel che permettono la visualizzazione dell'intersezione molto trafficata per via dei plessi scolastici ubicati in Piazza Roma e Viale delle Rimembranze e consenta verifiche dei veicoli provenienti da Artallo o valle di Caramagna o comunque circolanti sull'Aurelia.

Per l’implementazione del servizio di videosorveglianza cittadino e la sostituzione delle telecamere oramai obsolete e addirittura guaste (installazioni avvenute nel 2008), occorrerà un impegno di spesa di almeno 120/130 mila euro. Ovviamente l'assenza di risorse finanziarie nel bilancio annuale impone la realizzazione del progetto su più annualità che dovranno essere decise dalla prossima Amministrazione.

Redazione

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore