/ Cronaca

Cronaca | 14 agosto 2018, 23:11

Genova: crollo del viadotto Polcevera, alla fine della giornata parla il Premier Giuseppe Conte (Foto e Video)

Ha annunciato: "Un piano straordinario di monitoraggio di tutte le infrastrutture soprattutto di quelle più vecchie; i controlli saranno molto severi perché non possiamo permetterci altre tragedie come questa. E' una tragedia che ci accomuna tutti e ci spinge a interrogarci sulle cause. Tutti i cittadini devono viaggiare sicuri".

Genova: crollo del viadotto Polcevera, alla fine della giornata parla il Premier Giuseppe Conte (Foto e Video)

Una tragedia che molti hanno definito ‘immane’ e per la quale si solo levate voci internazionali di solidarietà, stringendo Genova in un abbraccio. Il crollo del viadotto sul torrente Polcevera è una ferita nel cuore della città e della Liguria, che recide in due la viabilità, lasciando una scia di vite umane spezzate.

Il Ponte Morandi, quello ‘di Brooklyn’ per i genovesi perché simile nelle fattezze al celebre ponte sull'East River di New York,  era lungo oltre un chilometro, con tre piloni di cemento armato a sostenerlo: son piombati di sotto, trascinandosi dietro anche il pilone centrale. Un salto verso il basso di circa centro metri per i veicoli che intorno alle 11,50 stavano transitando sul tratto autostradale; così, in pochi istanti, auto e camion venivano trascinati nel baratro. 

La serata si chiude con un bilancio provvisorio delle vittime: 26 per ora accertate (23 sul posto, 1 in sala operatoria e gli ultimi 2 estratti). Restano 15 feriti, tra i quali 9 rossi. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte è atterrato nel pomeriggio all'aeroporto Colombo e ha visitato il luogo del disastro, accompagnato dal governatore regionale Toti e dal sindaco Bucci. Poi ha fatto il punto con tecnici, amministratori e soccorritori in Prefettura.

"E' una grave ferita per Genova, la Liguria e l'Italia. Ho parlato con i leader europei, è stato di conforto avere il loro sostegno. Ringrazio i soccorritori, che continueranno a lavorare per tutta la notte" ha detto il premier dopo il vertice. Ed ha annunciato: "Un piano straordinario di monitoraggio di tutte le infrastrutture soprattutto di quelle più vecchie; i controlli saranno molto severi perché non possiamo permetterci altre tragedie come questa. E' una tragedia che ci accomuna tutti e ci spinge a interrogarci sulle cause. Tutti i cittadini devono viaggiare sicuri".

Tutti gli aggiornamenti su www.lavocedigenova.it quotidiano del nostro gruppo editoriale

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium