/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | martedì 04 dicembre 2018, 11:52

A Natale pensa ai bambini del ‘Gaslini’: al via la campagna crowdfunding Gaslini Onlus per l’Istituto

Le richieste di cura e assistenza al Gaslini aumentano ogni giorno: per questo abbiamo necessità di sostenere il CABEF attraverso il “Progetto Accoglienza” per riuscire ad incrementare i servizi di accoglienza e per garantire a tutti un ospedale a misura di bambino.

A Natale pensa ai bambini del ‘Gaslini’: al via la campagna crowdfunding Gaslini Onlus per l’Istituto

È partita la campagna crowdfunding “A Natale pensa ai bambini del Gaslini”, un’iniziativa di raccolta fondi lanciata dall’Associazione Gaslini Onlus a sostegno dei progetti dell’Ospedale Gaslini di Genova.

Ogni anno l’Istituto Giannina Gaslini assiste migliaia di bambini. Molti di loro hanno patologie complesse, malattie rare o croniche: sono bambini che provengono da tutta Italia e da oltre 70 Paesi del mondo. Sono bimbi che hanno bisogno di un’assistenza personalizzata e spesso di una lunga degenza in ospedale, che per alcuni di loro, può anche prolungarsi per mesi o anni e non possono stare senza mamma e papà a lungo. L’accoglienza deve essere speciale, devono sentirsi protetti da paure e traumi: per questo è nato il Centro Accoglienza Bambino e Famiglia (CABEF): per rispondere a tutte le prime necessità dei bimbi malati e dei loro genitori sin dal primo istante, per tutto il tempo necessario, con un servizio a 360 gradi.

I pazienti e le loro famiglie oggi trovano supporto attraverso un articolato sistema di ospitalità a misura di bambino, grazie ad una rete di servizi dedicati e altre forme di sostegno offerte dall’Istituto Gaslini. Un sistema di accoglienza di questo tipo ha però costante bisogno di risorse umane e finanziarie per garantire uno sportello di orientamento sanitario,  operatori per accogliere e fornire informazioni, assistenti sociali per assicurare la presa in carico complessiva dei bisogni della famiglia (alloggio, sostegno economico, supporto relazionale, ecc.)  educatori e mediatori culturali per sostenere le famiglie in difficoltà e i bambini stranieri. Le richieste di cura e assistenza al Gaslini aumentano ogni giorno: per questo abbiamo necessità di sostenere il CABEF attraverso il “Progetto Accoglienza” per riuscire ad incrementare i servizi di accoglienza e per garantire a tutti un ospedale a misura di bambino.

“Gaslini Onlus raccoglie fondi e promuove iniziative a sostegno dell’Istituto Giannina Gaslini tutto l’anno ma pensiamo che un’iniziativa speciale per Natale, finalizzata ad un progetto specifico così importante come quello dell’accoglienza di bambini e famiglie, possa essere l’occasione di realizzare qualcosa di unico - spiega Claudio Andrea Gemme, presidente dell’Associazione Gaslini Onlus -. Un’iniziativa che vuole coinvolgere un gran numero di persone grazie alla praticità dell’operazione di crowdfunding che permette a tutti di donare anche semplicemente dal proprio telefono. Confidiamo quindi nella generosità delle persone, delle aziende e della forza della viralità dei social. Anche un piccolo gesto può fare la differenza se si resta uniti per una causa così preziosa: questo Natale, pensiamo ai bambini del Gaslini”.

Partecipare alla raccolta fondi sarà semplicissimo perché basterà collegarsi al sito dell’Associazione www.gaslinionlus.it  e donare con un clic (il link diretto alla pagina: www.gaslinionlus.it/nataleperilgaslini/). Si potranno donare 5, 20, 50 euro o una somma libera. Oltre alla possibilità di effettuare il versamento online tramite Paypal o carta di credito, saranno anche accettate modalità di donazione tradizionale con tutte le indicazioni necessarie per procedere con il bonifico bancario o postale.

I donatori potranno inoltre condividere la pagina internet “A Natale pensa ai bambini del Gaslini” tramite i pulsanti dedicati (possibilità di condivisione sui propri social, WhatsApp o mail) per invitare parenti e amici a fare lo stesso, alimentando così il circuito virtuoso della solidarietà.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore