/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 07 gennaio 2019, 07:08

Due imperiesi arrestati dai Carabinieri nell'albenganese durante la giornata di ieri: fermati un 23enne ed un uomo di 52 anni

Il giovane aveva sottratto il cellulare all'ex fidanzata mentre l'uomo ha dato in escandescenze nel centro ingauno, danneggiando alcune auto parcheggiate.

Due imperiesi arrestati dai Carabinieri nell'albenganese durante la giornata di ieri: fermati un 23enne ed un uomo di 52 anni

Due imperiesi sono stati arrestati dai Carabinieri, nella giornata dell’Epifania, durante una serie di controlli dei militari. Entrambi sono stati fermati in flagranza di reato, ad Albenga.

Il primo è un 23enne di Imperia che è però residente ad Albenga, arrestato per rapina nella tarda mattinata di ieri, quando una pattuglia di Carabinieri della Sezione Radiomobile di Albenga è intervenuta per il furto di uno smartphone ai danni di una 20 enne di Celle Ligure. Alla giovane era appena stato rubato il cellulare dall’ex fidanzato. Al termine di una lite furibonda la vittima sarebbe stata aggredita con schiaffi al volto e lasciata dolorante a terra con evidenti ematomi al viso. Il 23enne ha tentato di fuggire con il cellulare di lei ma ha fatto poca strada perché la pattuglia dell’Arma stava perlustrando il territorio proprio in quella zona, riuscendo a bloccare subito il fuggitivo, che ha tentato invano di disfarsi del telefono della ragazza. Il giovane dovrà rispondere, con il rito direttissimo, in Tribunale a Savona.

Ieri pomeriggio, un’altra pattuglia di Carabinieri della Sezione Radiomobile è intervenuta davanti all’Istituto Trincheri di Albenga, dove un uomo in escandescenze ed in stato di evidente ebbrezza alcolica stava danneggiando alcune autovetture parcheggiate sulla via. L’immediato intervento dei militari ha permesso di far cessare gli atti vandalici ma l’uomo, un imperiese di 52 anni residente ad Andora ha tentato di aggredire i militari che lo hanno bloccato ed arrestato. Era anche sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora ad Andora e dovrà perciò rispondere di numerosi reati in tribunale. Il 52enne è stato trattenuto, nel frattempo, nelle camere di sicurezza della Compagnia di Albenga in stato di arresto.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium