/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 11 gennaio 2019, 10:21

Dakar: sfortuna per Gerini che chiude 25esimo nonostante un'indigestione "Non avevo più forze"

Oggi la seconda parte della durissima tappa Marathon con 345 km di speciale

Dakar: sfortuna per Gerini che chiude 25esimo nonostante un'indigestione "Non avevo più forze"

Ieri, la tappa più temuta, parliamo della Marathon dove i piloti non hanno praticamente assistenza e non solo, oggi dovranno correre con le stesse gomme utilizzate ieri. La prova speciale è stata molto difficile, fra burroni altissimi e fitta polvere, i piloti hanno veramente sudato sette camicie per raggiungere il bivacco.

Per Maurizio Gerini una giornata a corrente alternata, vittima di una incredibile indigestione, ha dovuto fare i conti con tutti i malesseri che da questa problematica. Numerose quindi sono state le sue soste lungo tutto l’arco della giornata che non solo hanno fatto perdere terreno in termini di tempo, ma che hanno ridotto al lumicino le sue forze fisiche.

Il pilota di Chiusanico è comunque riuscito a mantenere la 25° posizione di tappa che gli consente di mantenere un'ottima 23° posizione in classifica generale. Oggi altra tappa molto impegnativa, che porterà la carovana a Arequipa dopo aver percorso ben 345 chilometri di prova speciale e 431 di trasferimento.

Questo il commento di uno stremato Gerini al termine della corsa: "Giornata durissima. Sono stato male tutta la notte e di conseguenza non sono riuscito a fare nemmeno la colazione prima di partire. Mi sono dovuto fermare tantissime volte lungo il percorso e gli ultimi 150 chilometri sono stati veramente devastanti, non avevo più forze, e nell’incredibile polvere che ci ha accompagnato tutto il giorno non avevo la lucidità necessaria per dare il massimo. Grazie ai medici, ho assunto dei farmaci per la dissenteria e quindi domani sarò sicuramente in forma pronto a recuperare".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore