/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 14 gennaio 2019, 11:44

'Le scuole in pericolo", mercoledì ad Imperia corteo di protesta degli studenti da piazza Calvi fino al palazzo della Provincia

"Sono due gli aspetti principali che ci hanno costretto a scendere in strada: il servizio di riscaldamento delle scuole ed il degrado degli edifici scolastici".

(Immagine d'archivio)

(Immagine d'archivio)

C'è molta attesa per il corteo provinciale degli studenti che si terrà mercoledì mattina ad Imperia. La manifestazione chiamata 'Le scuole in pericolo', prevede che i ragazzi si ritrovino in piazza Ulisse Calvi alle 8.30. I manifestanti procederanno in corteo fino ad arrivare sotto il palazzo della Provincia. 

E' già previsto che una delegazione, formata dai rappresentanti di istituto, possa esser ricevuta dal Presidente della Provincia, Fabio Natta. L'iniziativa è organizzata dagli studenti del Liceo Amoretti ed Artistico di Imperia ma è stata allargata anche a tutte le altre scuole superiori della riviera dei fiori. 

"Sono ben accetti tutti gli studenti che hanno a cuore la scuola e lo spirito studentesco che ci accomuna. Sono due gli aspetti principali che ci hanno costretto a scendere in strada: il servizio di riscaldamento delle scuole ed il degrado degli edifici scolastici. Del primo aspetto contestiamo il fatto per cui il servizio fatichi a funzionare come dovrebbe. Ogni anno si registrano disagi che costringono gli studenti a protestare. Del secondo aspetto contestiamo il degrado degli edifici scolastici causato dalla mancanza di investimenti. Quando una scuola cade a pezzi la società subisce una dura perdita. Noi studenti non dovremmo più chiudere gli occhi bensì far sentire la nostra voce raccontare i disagi che subiamo ogni giorno entrando nelle nostre scuole. La nostra richiesta è quella di avere un tavolo permanente tra la Provincia e i rappresentanti d'istituto delle scuole più grandi di Imperia e provincia. Questa richiesta permettere a noi studenti di avere un confronto diretto con le autorità competenti dei nostri uffici scolastici con il fine di migliorare la situazione". 

Nel volantino condiviso dagli organizzatori si precisa anche che sarà garantita una presenza da parte di alcuni agenti di polizia che controlleranno l'andamento della manifestazione, sia per la sicurezza dei partecipanti che per l'ordine pubblico e la compattezza del corteo che occuperà una corsia della strada, per evitare il blocco del traffico. Inoltre viene specificato: "È vietato l’utilizzo di petardi e di altro oggetti non consoni alla manifestazione, chiunque non rispetti questi avvisi ne risponderà con la polizia che ci aiuterà a mantenere compatto e ordinato il corteo. L’obiettivo è quello di avere anche visibilità positiva tramite i media pertanto vi invitiamo ad un comportamento adeguato sono ammessi fischietti e cartelloni, su questi ultimi non devono esserci scritte ingiuriose verso le autorità ma solo slogan e che criticano la situazione strutturale degli edifici scolastici o a favore dello studente".

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore