/ Politica

Politica | 25 gennaio 2019, 17:35

Arrivano i soldi stanziati dalla Manovra del Governo per la messa in sicurezza delle strade: alla nostra provincia 3 milioni

"Stiamo parlando di risorse che sulla base dei costi effettivi non risultano ancora del tutto sufficienti ad assicurare la piena efficienza dei servizi" ha detto il presidente della Provincia di Imperia

La conferenza Stato-Città di ieri

La conferenza Stato-Città di ieri

Via libera alla ripartizione dei 250 milioni assegnati dalla legge di Bilancio 2019 alle Province per la messa in sicurezza di strade e scuole di competenza.

L’intesa tra Upi (Unione Province d’Italia) e Ministero dell’Interno, raggiunta ieri in sede di Conferenza Stato-Città e Autonomie Locali, assegna alla Liguria complessivamente circa 9 milioni di euro di cui 3 milioni e 60mila euro alla Provincia di Imperia. Si tratta di risorse a valenza pluriennale, che le Province avranno a disposizione in maniera stabile da qui al 2033, destinate a garantire il finanziamento di piani di sicurezza, servizi di manutenzione delle reti viarie provinciali e delle scuole superiori. Una misura strutturale, che consentirà agli Enti di poter programmare gli interventi sul territorio.

"Stiamo parlando di risorse che sulla base dei costi effettivi non risultano ancora del tutto sufficienti ad assicurare la piena efficienza dei servizi – afferma il referente UPI Liguria, presidente della Provincia di Imperia e vicepresidente ANCI Liguria Fabio Natta, ieri in Conferenza Stato Città - Risorse distribuite questa volta secondo criteri di maggior equilibrio tra le regioni italiane, che rappresentano sicuramente da qui al 2033 un valido aiuto per ricominciare a programmare gli interventi in un’ottica di lungo periodo. Vorrei sottolineare che a questi 9 milioni si aggiungono le cifre già stanziate nel 2018, a valere per il 2019, che mettono a disposizione dei bilanci delle Province liguri quest’anno complessivamente un tesoretto di 15 milioni di euro, circa 1 milione e mezzo in più dell’anno passato, frutto di battaglie e mediazioni portate avanti in questi anni da ANCI e UPI".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium