/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 30 gennaio 2019, 14:49

Imperia: il pre dissesto finanziario fa aumentare le rette degli asili nido comunali. Volpe "Previsto dalla legge"

Nei giorni scorsi la giunta ha infatti deliberato un adeguamento delle rette mensili che passano da un minimo di 70 euro, con isee zero, a 250 euro a famiglia. Questo per effetto del pre dissesto finanziario in cui si trova il Comune

Un asilo nido (foto di repertorio)

Un asilo nido (foto di repertorio)

Aumentano le tariffe degli asili nido comunali. Nei giorni scorsi la giunta ha infatti deliberato un adeguamento delle rette mensili che passano da un minimo di 70 euro, con isee zero, a 250 euro a famiglia. Questo per effetto del pre dissesto finanziario in cui si trova il Comune.

A sostegno delle famiglie intervengono gli ammortizzatori sociali, i cosiddetti voucher nido, che però fino a oggi coprivano interamente il costo di 70 euro, ovvero l’importo della tariffa per chi presentava un isee fino a 3.520 euro.

Oggi con le fasce isee adeguate, chi ha un reddito da 0 a 10mila euro ne paga 250. Gli ammortizzatori intervengono fino a un importo di 200 euro, per cui il costo medio mensile è di 50, a differenza degli anni precedenti in cui le famiglie con redditi bassi erano totalmente esentate.

In precedenza, inoltre chi presentava un isee da 3.520,01 euro a 20mila pagava un importo che variava da un minimo di 70,40 euro, interamente coperto dagli ammortizzatori sociali, a un massimo di 400, coperto per il 50%. Oggi, la fascia isee è stata ampliata da 10.000,01 a 20mila e la tariffa unica è di 350 euro.

Tariffe aumentate anche per chi ha un isee superiore a 20mila euro che passano da una retta mensile di 420 euro a 550, che diventano 650 per chi non presenta dichiarazione isee a fronte dei 500 degli anni precedenti.

Aumentano infine le tariffe anche per i non residenti che se prima pagavano una maggiorazione del 15% a seconda del proprio isee, oggi pagano indistintamente 650 euro.  

All’interno del piano di riequilibrio finanziario – spiega l’assessore ai servizi sociali Luca Volpe a Imperia News - è previsto un adeguamento delle tariffe dei servizi a domanda individuale, tariffe che devono coprire una percentuale dei costi che è prescritta dalla legge”.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium