/ Economia

Economia | 06 febbraio 2019, 11:19

Poste Vita e Bancoposta Fondi SGR aderiscono ai PRI promossi dalle Nazioni Unite

I sei principi volontari descrivono un insieme di azioni volte a favorire l’adozione di criteri ESG all’interno dei processi e delle politiche di investimento tradizionali e impegnano formalmente le due Società a integrare le tematiche ESG nell’analisi e nei processi decisionali riguardanti gli investimenti

Poste Vita e Bancoposta Fondi SGR aderiscono ai PRI promossi dalle Nazioni Unite

Poste Vita e Bancoposta Fondi SGR aderiscono ai Principles for Responsible Investments (PRI) promossi dalle Nazioni Unite, confermando l’impegno del Gruppo Poste Italiane a perseguire un’attività di gestione socialmente responsabile. Prosegue, dunque, il percorso organico di Poste Italiane verso l’integrazione dei principi Environmental, Social and Governance (ESG) a tutti i livelli, nella propria strategia, nella governance e nei processi aziendali.

“Poste Italiane ha un ruolo da protagonista nel settore finanziario e, come investitore, è determinante per il sostegno alle imprese, all’occupazione e alla crescita economica sostenibile del nostro Paese” – ha dichiarato Matteo Del Fante, Amministratore Delegato di Poste Italiane. “Con l’adesione ai Principi di Investimento Responsabile, il Gruppo rafforza il proprio posizionamento di realtà di riferimento nel panorama delle aziende socialmente responsabili: integrando criteri ESG nella valutazione degli investimenti, i principi di gestione sostenibile adottati dall’Azienda vengono non solo applicati all’interno dell’organizzazione, ma anche promossi all’esterno, migliorando allo stesso tempo le performance aziendali a beneficio dei nostri clienti”.

I sei principi volontari descrivono un insieme di azioni volte a favorire l’adozione di criteri ESG all’interno dei processi e delle politiche di investimento tradizionali e impegnano formalmente le due Società a integrare le tematiche ESG nell’analisi e nei processi decisionali riguardanti gli investimenti e a incorporare le tematiche ESG nelle relazioni intrattenute con le controparti, anche chiedendo un’adeguata comunicazione relativamente a queste tematiche da parte delle aziende e dei fondi oggetto di investimento. Inoltre, Poste Vita e BancoPosta Fondi SGR promuovono l’accettazione, l’applicazione e il miglioramento dell’efficacia dei Principi nel settore finanziario e si impegnano a comunicare agli stakeholder le attività e i progressi compiuti nell’applicazione dei Principi.

 “Crediamo che integrare fattori ambientali, sociali e di governance nei processi di investimento sia un elemento necessario per perseguire performance sostenibili nel tempo, ridurre il profilo di rischio dei portafogli e agire in linea con i principi di integrità e trasparenza” – ha dichiarato Giuseppe Lasco, Responsabile Corporate Affairs di Poste Italiane. “L’integrazione ESG ci consentirà di avere una comprensione maggiore dei rischi e delle opportunità di un’operazione finanziaria e, dunque, di creare fiducia e valore per i nostri clienti e di contribuire alla crescita e al benessere del Paese.

 

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium