/ Cronaca

Cronaca | 08 febbraio 2019, 08:01

Imperia: espulso dal territorio italiano, torna per rivedere la fidanzata. Tunisino condannato a dieci mesi di carcere

In aula, l’uomo, difeso dall’avvocato Paolo Burlo, ha dichiarato di essere tornato per vedere la fidanzata. Una versione che non ha però intenerito il giudice che lo ha condannato

Imperia: espulso dal territorio italiano, torna per rivedere la fidanzata. Tunisino condannato a dieci mesi di carcere

Ha sfidato il decreto di espulsione dall’Italia emesso nei suoi confronti, per rivedere la sua fidanzata che vive a Sanremo. È successo a un cittadino di nazionalità tunisina, Y.K. che ieri mattina in tribunale è stato condannato a dieci mesi di carcere perché è rientrato di nascosto sul territorio italiano.

In aula, l’uomo, difeso dall’avvocato Paolo Burlo, si è detto pentito dichiarando di essere tornato per vedere la fidanzata. Una versione che non ha però intenerito il giudice Chiara Bosacchi che lo ha condannato, anche se con una pena minore a fronte della richiesta di un anno e due mesi avanzata dal vice procuratore onorario Tiziana Berlinguer.

L’uomo, già con precedenti alle spalle, era stato arrestato lo scorso agosto dagli agenti del commissariato di polizia di Sanremo in seguito a un controllo da cui era emersa la sua irregolare permanenza sul territorio, dove potrà soggiornare ancora dieci mesi, però dietro le sbarre.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium