/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 12 marzo 2019, 11:51

Trasporti: sblocco delle assunzioni, i sindacati di categoria soddisfatti. Salta lo sciopero del 25 alla Rt?

“Siamo orgogliosi – evidenziano i sindacati - di aver in un momento delicatissimo conquistato (perché di conquista si tratta) 15 posti di lavoro. È evidente che è solo un inizio per far fronte all'emergenza venutasi a creare dallo sfoltimento continuo del personale, ma neanche questo era così scontato".

Trasporti: sblocco delle assunzioni, i sindacati di categoria soddisfatti. Salta lo sciopero del 25 alla Rt?

Le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporti dimostrando che col dialogo e i mezzi a disposizione che la legge concede, hanno ottenuto un primo significante risultato nella vertenza avviata, lo sblocco delle assunzioni, anche grazie all'incontro avvenuto nella giornata di ieri, dove al tavolo si era rimandata ad oggi una valutazione definitiva da parte della proprietà.

“Siamo orgogliosi – evidenziano i sindacati - di aver in un momento delicatissimo conquistato (perché di conquista si tratta) 15 posti di lavoro. È evidente che è solo un inizio per far fronte all'emergenza venutasi a creare dallo sfoltimento continuo del personale, ma neanche questo era così scontato. L'azione di sciopero in campo, ha ancora due obiettivi, l'ufficializzazione del rientro di Rtl in Rt, e l'approvazione del piano assestato che permetta a questa azienda di traghettarsi in acque più tranquille”.

“Con coscienza – terminano le organizzazioni sindacali - abbiano operato nell'ultimo periodo perché percepivamo il momento, con coscienza opereremo nel futuro perché certi che questa nostra azienda possa sopravvivere anche grazie alle sforzi del personale, con coscienza ci auspichiamo lavorino la dirigenza e la proprietà di questa società, per un ripristino dignitoso della qualità del servizio, per un riequilibrio del personale laddove ci sia carenza, per il mantenimento in vita della realtà che da sostentamento a 300 e più famiglie”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium