/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 12 aprile 2019, 07:11

Imperia: appalto rifiuti, nuovi provvedimenti disciplinari di Teknoservice ai dipendenti

Si tratta di due o tre richiami giornalieri a lavoratore, come sottolineano i sindacati, che si aggiungono ai precedenti. Le motivazioni? Prevalentemente per la mancanza di alcuni rapporti giornalieri e per non portare a termine il lavoro nella zona assegnata

Imperia: appalto rifiuti, nuovi provvedimenti disciplinari di Teknoservice ai dipendenti

Ancora provvedimenti disciplinari, che preannunciano sanzioni, ai dipendenti di Teknoservice. Dopo il duro confronto tra azienda e sindacati delle scorse settimane, che aveva portato all’invio di circa settanta provvedimenti disciplinari e poi a un blocco degli straordinari, poi annullato per il periodo di franchigia dovuto alle festività, non passa giorno che agli operai non arrivino nuove contestazioni.

Si tratta di due o tre richiami giornalieri a lavoratore, come sottolineano i sindacati, che si aggiungono ai precedenti. Le motivazioni? Prevalentemente per la mancanza di alcuni rapporti giornalieri e per non portare a termine il lavoro nella zona assegnata.

I sindacati, che hanno prodotto le controdeduzioni per evitare le sanzioni, però lamentano la scarsità di personale e mezzi, a fronte dell’impegno preso dall’azienda di fornire un servizio, il porta a porta, che richiederebbe certamente nuove assunzioni.

In questi giorni, inoltre, sono circa quindici i lavoratori assenti per malattie e infortuni, su un organico composto da novantaquattro dipendenti. Una situazione che li porta spesso a fare fino a sei ore di straordinari al giorno.

Il culmine del braccio di ferro tra azienda e lavoratori è stato raggiunto la scorsa settimana, quando dopo un video pubblicato da alcune testate, un dipendente, accusato ingiustamente di aver gettato e distrutto un mastello, è stato denunciato dalla stessa Teknoservice. Ora l’operario ha deciso di tutelarsi tramite il legale messo a disposizione dal sindacato Cisl.

A pagare le conseguenze di tutto questo è la città, che a due mesi e mezzo dall'avvio del porta a porta vede ancora lontano il raggiungimento di decoro e pulizia promesso dall'amministrazione comunale.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium