/ Eventi

Eventi | 13 aprile 2019, 10:40

Lunedì prossimo alla biblioteca di Imperia la presentazione del libro di Marco Francalanci "La busta gialla"

Un evento promosso dall'Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea di Imperia

Lunedì prossimo alla biblioteca di Imperia la presentazione del libro di Marco Francalanci  "La busta gialla"

L'ISRECIm, Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea di Imperia, insieme all’ANPI e alla FIVL di Imperia, ha promosso la presentazione del libro “LA BUSTA GIALLA" di Marco Francalanci pubblicato da Edizioni del Capricorno.

L’evento si svolgerà lunedì 15 aprile 2019 alle ore 17.00 a Imperia presso la Sala Convegni della Biblioteca Civica “L. Lagorio” (Piazza E. De Amicis). L’autore dialogherà con Giovanni Rainisio, Presidente dell’ISRECIm e Daniele La Corte, giornalista e scrittore.

Si tratta di una storia straordinaria, ma soprattutto vera, un racconto autobiografico che narra le vicende di una famiglia in una Genova ferita dai bombardamenti poi sconvolta dalla guerra civile e dall’occupazione tedesca.

Marco Francalanci, ormai settantenne, scopre per caso una doppia verità che gli era sempre stata tenuta nascosta. Nell’agosto del 1944, Luigi, padre di Marco, sfugge alla deportazione, poi a pochi mesi di vita Marco viene colpito dalla meningite. La figura di Paola, mamma di Marco, emerge da quella atmosfera cupa, causata da una guerra disastrosa, e con forza rincorre i suoi sogni, ha il coraggio di costruire una vita insieme a Luigi, soldato smobilitato dopo l’8 settembre. Incinta di Marco, affronta un alto dirigente della Gestapo affinché suo marito non venga deportato in Germania e sfugga ad una probabile morte in un campo di lavoro. Ancora piena di volontà, lotta e gira la città in cerca di un farmaco sperimentale per guarire il suo piccolissimo bimbo, che si salverà.

A guerra finita in una Genova ormai libera dove, dopo un’eroica Resistenza, i tedeschi si sono arresi ai partigiani, Paola scoprirà che il medicinale che ha salvato Marco è stato sperimentato, non solo sulle truppe di occupazione ma anche sui prigionieri dei campi di sterminio.

Una testimonianza e una memoria autentica, la dimostrazione che talvolta la realtà storica supera qualsiasi opera di finzione.

Marco Francalanci, giornalista, lavora dal 1966 per il giornale Il Secolo XIX, dove fa esperienza in vari reparti della redazione. Diventa capocronista, negli anni più difficili del terrorismo brigatista e di quello neofascista. Dal 1980 è responsabile della pagina degli Esteri. Inviato speciale in occasione di numerosi avvenimenti che hanno segnato la politica internazionale, nel 1990 passa a La Repubblica come capocronista dell’edizione di Torino.

Dal 2002 a riposo, ha pubblicato numerosi reportage su Il Secolo XIX, Repubblica, Tuttolibri, e il settimanale Oggi.

Christian Flammia

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium