/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 10 giugno 2019, 16:00

Imperia: presentato il ciclo turistico cittadino, dalla promozione alla prevenzione. Scajola "Scoperte più di 250 attività ricettive irregolari" (Foto e video)

Analizzati sia il programma promozionale, con la presentazione di nuovo video e logo, sia quello di controllo delle attività

Imperia: presentato il ciclo turistico cittadino, dalla promozione alla prevenzione. Scajola "Scoperte più di 250 attività ricettive irregolari" (Foto e video)

Dal brand di promozione, ai controlli di prevenzione. È stato presentato questa mattina, presso il palazzo civico di Imperia, l'intero ciclo del turismo cittadino. Nuovo logo, nuovi driver, nuove mappe illustrate, Iat diffuso e valorizzazione di clima, mare, enogastronomia e musei per far diventare Imperia una città turistica vera e propria.

Questo l'obiettivo dichiarato dell'amministrazione che punta a superare, entro tre anni, le 200 mila presenze stagionali. Per farlo verrà da oggi diffuso un video promozionale in Piemonte, Lombardia e diversi stati europei che avrà l'ovvia funzione di attirare nuovi turisti. In aggiunta a questo un lavoro interno sullo Iat diffuso, oltre 35 le attività aderenti, e sul brand cittadino basato su tre driver fondamentali: Cultura, Riviera e Tempo libero che campeggeranno sui nuovi cartelli d'ingresso cittadino, sulle mappe illustrare, sul calendario eventi estivo e su tre speciali brochure: Imperia d'aMare,  da vivere e da vedere.

Al lavoro di promozione è stato affiancato, come detto, un importante lavoro di prevenzione attraverso la società Hyksos che, con controlli incrociati sul web dalle foto, alle recensioni passando per le prenotazioni, ha rilevato 264 soggetti che in questo momento starebbero operando illecitamente ovvero attività ricettive che in maniera abusiva fornirebbero alloggio. A queste vanno aggiunte le 200 che dal primo febbraio a oggi si sono messe in regola registrandosi con le procedure della tassa di soggiorno.

Per le presunte attività illecite l'amministrazione provvederà a una prima fase di controllo per poi passare alle restrizioni come spiegato oggi in conferenza stampa dal sindaco Claudio Scajola e dall'assessore al Turismo Gianmarco Oneglio.

"Imperia deve riscoprirsi – ha esordito il primo cittadino. Deve puntare maggiormente su un turismo di qualità. Abbiamo delle caratteristiche significative. È una città bella, da scoprire, che dobbiamo far conoscere di più. Ecco perché un brand, un filmato che possano far comprendere fuori dai nostri confini come questo sia un luogo autentico dove poter fare turismo non solo balneare, ma anche culturale e gastronomico. Questo è l'obiettivo. Per raggiungerlo abbiamo messo insieme dei punti Iat diffusi in città, abbiamo fatto delle nuove cartine illustrate, stiamo cercando di renderla più pulita, ordinata e accogliente. Attirare turisti significa però anche far conoscere Imperia fuori, un filmato che mi auguro piaccia. Girerà in tutti i paesi europei per far vedere anche agli altri quanto è bella la nostra città.

Sulle oltre 250 presunte attività illecite: "Noi dobbiamo migliorare l'accoglienza. Dobbiamo far sì che tutti coloro che accolgono turisti siano in regola con le normative previste per una buona accoglienza. C’è l’obbligo di una registrazione presso la Regione, ci sono persone che non lo hanno ancora fatto e ci auguriamo lo facciano presto. Abbiamo dato incarico a una società che, con una strumentazione assolutamente innovativa, riuscirà come è già riuscita a cogliere come più di 250 unità di affitto nella nostra città non siano ancora in regola, speriamo come detto che lo diventino presto. Questo per garantire che abbiano i giusti standard di qualità per accogliere turisti e nel contempo affinché paghino anche loro, come gli altri, la piccola tassa di soggiorno necessaria per fare manifestazioni turistiche e rendere la città, nel verde, più bella".

"Abbiamo cercato di dare una risposta complessiva facendo in modo di coinvolgere tutto ciò che può interessare il turista, sia in loco sia quello che deve ancora arrivare o arriverà – ha spiegato Oneglio. Prima di tutto abbiamo cercato di capire a chi ci rivolgevamo e poi il come. Per farlo abbiamo rivisto la nostra comunicazione facendola in un modo diverso, più giovanile e improntato all'odierno. Quindi abbiamo realizzato un video emozionale che faccia scoprire le nostre peculiarità: il nostro clima, enogastronomia, la bandiera blu, un video che promuova Imperia all’estero e che invogli la gente a venire, ma a farlo in strutture regolari che abbiamo un livello garantito. Per questo abbiamo fatto un lavoro di map control, lavoro che ritengo fatto molto bene e che darà la possibilità a Imperia di vestirsi di turismo come si sta vestendo in questi giorni con le nuove 42 bandiere che verranno issate in città, con i cartelli pubblicitari di benvenuto. Cerchiamo di promuovere Imperia per ciò che c'è già, facendo vedere agli altri la sua bellezza".

Sull'obiettivo, annunciato da Scajola, delle 200 mila presenze: "Siamo convinti che sia possibile. Il trend è positivo con un più 15%, già nei mesi di febbraio, marzo e aprile. Di maggio non abbiamo ancora il dato consolidato, ma ci fa ben sperare".

A occuparsi del nuovo brand cittadino il designer Pasquale Dimeglio che ha così presentato il progetto: "Siamo partiti da tre driver territoriali molto forti per cercare di creare un brand inclusivo: la Cultura, la Riviera e il Tempo libero. Cultura perché siamo partiti dall'espressione dell'entroterra fino ad arrivare alla parte del mare, la riviera è nato un po' qui come termine e quindi ci sembrava giusto rimarcarlo e tenerlo tra i punti forti mentre il tempo libero è nato dall’idea che la città che ti accoglie con il miglior clima d’Italia ti dia la possibilità di vivere all'aperto, approfittando di una dimensione diversa".

Il video promozionale

 

Lorenzo Bonsignorio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium