/ Attualità

Attualità | 26 giugno 2019, 12:48

Imprese e professionisti, Cciaa: "Scadenza pagamento diritto annuale coincide con pagamento primo acconto imposte sui redditi"

La Camera di Commercio mette in guardia sui bollettini ingannevoli recapitati alle aziende in occasione della scadenza del versamento

Imprese e professionisti, Cciaa: "Scadenza pagamento diritto annuale coincide con pagamento primo acconto imposte sui redditi"

La Camera di commercio Riviere di Liguria - Imperia La Spezia Savona ricorda a imprese e professionisti che la scadenza per il pagamento del diritto annuale coincide con il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Il versamento potrà essere effettuato inoltre entro i 30 giorni successivi maggiorando l'importo dovuto dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. Per le imprese iscritte alla Camera di Commercio Riviere di Liguria, l’importo per l'anno 2019, per chi paga in misura fissa, e le aliquote di calcolo, per chi paga in funzione del fatturato, rimangono invariati rispetto al 2018.

Per il calcolo e il pagamento è possibile utilizzare la piattaforma "CALCOLA E PAGA" dal sito camerale tutte le info alla pagina DIRITTO ANNUALE del sito web camerale www.rivlig.camcom.gov.it

La Camera di commercio avvisa inoltre le imprese che, con l’approssimarsi della scadenza, torna a manifestarsi l’invio di bollettini e moduli ingannevoli recapitati all’indirizzo delle imprese con richieste di pagamento che sembrano ricondursi all’iscrizione al Registro delle Imprese. L’ente camerale ricorda ancora una volta che il diritto annuale si paga esclusivamente tramite modello F24 con modalità telematica e che pertanto non vengono mai inviati alle imprese bollettini postali o simili.

Le imprese devono quindi diffidare di ogni richiesta di denaro relativa all’iscrizione in presunti annuari, registri e repertori o a presunte prestazioni assistenziali e previdenziali avanzate da organismi privati con denominazioni molto simili a Camera di Commercio. Tutte queste richieste si riferiscono a proposte commerciali che nulla hanno a che vedere con il pagamento obbligatorio del diritto annuale né con l´iscrizione in registri tenuti dall’ente camerale e non sono in alcun modo riconducibili alla Camera di commercio.

A titolo di esempio si citano alcuni casi di richieste segnalate dalle imprese:

- Iscrizione al portale multiservizi riservato alle ditte iscritte a Camera di commercio, Industria, Agricoltura (C.C.I.A.A.) inviato da Kuadra Srl

- Iscrizione a Casellario Unico Telematico

- Iscrizione a Registro Telematico Imprese

- Iscrizione a Registro del commercio

- Iscrizione al portale web proposta alle ditte iscritte a Camera di commercio, Industria, Agricoltura (C.C.I.A.A.) inviato da Portale imprese Srl

- Iscrizione a ElenchiImprese iscritte alla Camera di commercio inviato da Imperanet Srl – elenchiimprese.it

- Iscrizione Registro Imprese inviato da LM Business Data SL (Valencia)

Anche l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha considerato queste iniziative come pratiche commerciali scorrette ai sensi del Codice del Consumo, comminando agli autori  di alcune di esse sanzioni amministrative di centinaia di migliaia di euro e vietandone la continuazione.

Su iniziativa di Unioncamere, la stessa Autorità ha predisposto il vademecum anti-inganni “Io non ci casco” contro le indebite richieste di pagamento inviate alle aziende. Il vademecum è scaricabile anche dal sito della Camera di Commercio Riviere di Liguria all’indirizzo http://www.rivlig.camcom.gov.it/IT/Tool/News/Single?id_news=2494.

Per chiarimenti è possibile contattare l’ufficio Diritto annuale della Camera di commercio Riviere di Liguria: Imperia, 0183/793-276, e-mail: dirittoannuale.im@rivlig.camcom.it; La Spezia, 0187/728-299, e-mail dirittoannuale.sp@rivlig.camcom.it; Savona, 019/8314-224, e-mail dirittoannuale.sv@rivlig.camcom.it.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium