/ Attualità

Attualità | 11 luglio 2019, 14:44

Imperia: siglato il protocollo di Confcommercio per l'ambiente 'Aiuto la terra' (foto e video)

E' un protocollo finalizzato alla lotta allo spreco e ai prodotti usa e getta, attraverso una serie di iniziative, come l’utilizzo nei ristoranti della cosiddetta ‘Doggy Bag’, che non sarà utilizzata solo per il cibo, ma anche per il vino

Imperia: siglato il protocollo di Confcommercio per l'ambiente 'Aiuto la terra' (foto e video)

È stato siglato questa mattina il protocollo di Confcommercio ‘Aiuto la Terra’, un progetto che coinvolge i commercianti associati, finalizzato alla lotta allo spreco e ai prodotti usa e getta, attraverso una serie di iniziative, come l’utilizzo nei ristoranti della cosiddetta ‘Doggy Bag’, che non sarà utilizzata solo per il cibo, ma anche per il vino.



Presentiamo oggi un progetto nuovo e bellissimo – spiega Enrico Calvi, presidente Fipe Imperia – che ci coinvolge in una tematica molto sentita, sia dai nostri associati, e lo capiamo dall’aumento esponenziale tutti i giorni di adesioni, che dai nostri clienti finali. Il tema dell’aiuto alla terra, come abbiamo voluto chiamare questo progetto, è il tema della sensibilizzazione ambientale con un piccolo ma significativo passo che possiamo fare come pubblici esercizi per sensibilizzare la nostra clientela, i nostri operatori, i ragazzi che lavorano per noi, per ridurre il rifiuto, per cercare materia prima del posto, aiutando l’economia, senza creare spostamento grande di merci all’interno della provincia. La tematica ambientale molto forte nell’abbassamento significativo del prodotto usa e getta, per andare su prodotti biodegradabili come cannucce e bicchieri. È un progetto che segue un po’ l’onda del momento, ma sono convinto che se tutti uniamo le forze nel proprio settore e ognuno fa la sua parte, possiamo arrivare a risultati significativi. Il tema ambientale non è più demandabile, non se ne può più parlare domani, bisogna parlarne adesso, vediamo in tutta la provincia problemi importantissimi con la raccolta differenziata, da una parte aumentano i costi, dall’altra ci sono grosse problematiche nella gestione del riciclo del rifiuto, e allora è giusto che ognuno faccia la sua parte. Noi speriamo con questo passo di sensibilizzare i nostri operatori, coinvolgerli in una campagna moderna, interessante e al tempo stesso divulgare un chiaro messaggio”.

E’ un progetto importante – commenta il presidente di Confcommercio Sanremo Luca Di Baldassare - Noi abbiamo delle problematiche a oggi che non possiamo più nascondere. La plastica è un problema mondiale e adesso è un problema che dobbiamo sicuramente affrontare, anche noi nel nostro piccolo commercianti e imprenditori dobbiamo essere pronti per affrontare questa tematica.

Aiuto alla Terra è un progetto importante che parte dall‘economia sul prodotto cercando di evitare la plastica per arrivare ad un servizio che era famoso nel Nord Europa e da oggi lo sarà anche in Italia. È quello di creare le Doggy bag non solo per il cibo, ma anche per la bottiglia e dare così la possibilità a un potenziale cliente di potersi portare il suo prodotto a casa.

Tante volte succede che un cliente va in una attività e non può prendere poi la bottiglia di vino, ha la possibilità oggi con queste doggy bag di prendere un bicchiere poi portarsi la bottiglia a casa.

Questo è un progetto importante che legato all’economia alla nuova cultura contro l’inquinamento globale, è un nuovo sistema pratico”.

Ecco il protocollo:

Confcommercio Imprese per l’Italia della Provincia di Imperia – FIPE Confcommercio Provincia di Imperia 

Il presente protocollo norma l’adesione al progetto ALT – “Aiuto La Terra” a cui aderiranno i pubblici esercizi interessati, previa sottoscrizione del modulo di adesione progetto ALT – “Aiuto La Terra”.

Per ottenere e mantenere la qualifica di Pubblico Esercizio che Aiuta La Terra, il sottoscrivente (indicato da ora come P.E.) dovrà rispettare una serie di criteri riportati e descritti di seguito. 

Il P.E. deve essere in regola con il pagamento della quota associativa Confcommercio-Imprese per l’Italia della Provincia di Imperia e la quota FIPE-Confcommercio della Provincia di Imperia per l’anno in corso.

Il mancato pagamento comporterà la perdita della qualifica ottenuta, nonostante l’eventuale rispetto dei parametri indicati per la razionalizzazione degli sprechi e l’eliminazione di materie inquinanti. 

CRITERI PER L’OTTIMIZZAZIONE DEGLI SPRECHI E L’ELIMINAZIONE DI MATERIE INQUINANTI 

Gli aderenti al progetto si impegnano a rispettare almeno n. 6 punti elencati di seguito. (Barrare con una croce i punti prescelti). 

o CONFERIMENTO RIFIUTI CON LA MODALITA’ DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Ogni città della Provincia di Imperia ha adottato un sistema di raccolta differenziata, al fine di rispettare i parametri della New Circular Economy imposti dalla Commissione Europea a partire dall’anno 2015 e inseriti nel corpus giuridico europeo. Il P.E. aderente promuoverà tale modello di raccolta, aderendo alle iniziative proposte dalla propria amministrazione e sottoscrivendo eventuali progetti proposti dal proprio Comune di pertinenza per la riduzione dell’inquinamento.   

o ELIMINAZIONE E/O RIDUZIONE DEI PRODOTTI USA E GETTA O MONODOSE 

In base alle nuove normative, dal 2021 sarà vietata la vendita della plastica monouso in tutti i Paesi dell’Unione Europea. La ricerca di nuovi materiali eco-sostenibili diventerà, pertanto, un punto focale per tutti i P.E. che dovranno adeguarsi alle future regole europee. I P.E. aderenti al protocollo potranno iniziare in modo graduale la conversione degli oggetti monouso quali, ad esempio, cannucce, bottiglie, piatti e bicchieri di plastica.  

o ADESIONE AL PROGETTO “RIMPIATTINO” DI FIPE CONFCOMMERCIO 

La Fipe-Confcommercio, a partire da quest’anno, ha presentato un nuovo progetto per la lotta agli sprechi alimentari promuovendo la distribuzione di speciali contenitori ai clienti dei locali aderenti all’iniziativa.

Tale progetto, si pone 2 obiettivi, cambiare il comportamento dei clienti al ristorante e sensibilizzare sempre di più i ristoratori. Ai P.E. aderenti verrà fornito il kit del “Rimpiattino” che consiste in due contenitori di cartone: uno pensato per il vino e l’altro per il cibo ideati da importanti designer e realizzato dal consorzio di imballaggi Comieco. In questo modo i clienti potranno portare a casa il cibo o il vino che non hanno terminato, evitando così lo spreco di cibo e bevande che, altrimenti, dovrebbero essere buttate. 

o UTILIZZO DI MATERIE PRIME A KILOMETRO “0” 

Sempre più attività decidono di servirsi di imprese locali per avere prodotti freschi e che seguano la corretta stagionalità. La scelta di materie prime locali permette di far conoscere i piatti della tradizione, coniugando la freschezza degli alimenti al territorio.  

o OPERAZIONI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO E UTILIZZO ENERGIE ALTERNATIVE 

Grazie agli incentivi e agli sgravi fiscali proposti negli anni, molti P.E. si sono dotati di strumenti e macchinari che rispettassero i canoni di consumo minimi (ad es. elettrodomestici in classi A+++) e favorissero l’utilizzo di energie alternative (ad es. installazione pannelli solari o stufe a pellet).   

o ADESIONI CAMPAGNE PROMOZIONALI AMBIENTALI 

Le iniziative a favore del rispetto ambientale, nel corso degli ultimi anni, sono andate moltiplicandosi e anche le amministrazioni locali hanno promosso eventi, incontri e attività dedicate alla razionalizzazione degli sprechi e all’eliminazione di prodotti inquinanti. Tutti i P.E. interessati, potranno aderire alle iniziative promosse dal proprio Comune di Pertinenza, sia pubbliche che private, promuovendole anche all’interno dei loro locali.  

o DIFFUSIONE INIZIATIVE AMBIENTALI NEI LOCALI 

Le iniziative ambientali promosse dalla propria amministrazione, dalla Regione Liguria o dal Governo, potranno essere diffuse e promosse all’interno del locale che, si offrirà di esporre eventuale materiale informativo al fine di fare attività di informazione ai propri clienti.  

o DISPONIBILITA’ A DISTRIBUIRE MATERIALE PROPOSTO DALLA FIPE 

La FIPE-Confcommercio, nell’ottica di lotta agli sprechi, ha proposto una serie di iniziative concrete che potranno essere diffuse all’interno dei P.E. con la consegna di materiale proposto dalla FIPE-Confcommercio nazionale. 

o INFORMAZIONE ALIMENTI SOMMINISTRATI 

I locali potranno decidere di esporre tutte le informazioni relative agli alimenti somministrati, anche quelle facoltative, come la provenienza o la preparazione. Inoltre, una corretta informazione su eventuali allergeni presenti nelle preparazioni potrà facilitare la conoscenza dei clienti che presentano allergie o intolleranze alimentari.    

o ADESIONE PROGETTO THE WHEELMAN (RISERVATO A LOCALI DA BALLO) 

I P.E. potranno decidere di aderire alla campagna “The wheelman” portata avanti in provincia dal Presidente provinciale SILB, Tommy Osella per la sicurezza stradale. L’iniziativa prevede l’ingresso gratis nei locali da ballo per chi decide di non bere bevande alcoliche e la possibilità di bere gratuitamente bevande non alcoliche consegnando la propria patente ai “gestori” e sottoponendosi volontariamente all’alcoltest a fine serata.  

o ESPOSITORE DI PRODOTTI LOCALI 

Gli aderenti al progetto potranno decidere di posizionare un espositore con i prodotti a kilometro “0” consumati all’interno del locale per informare e tutelare i clienti sulla provenienza dei piatti serviti.   

o MENU INTOLLERANZE ALIMENTARI 

Per favorire la clientela con particolari necessità alimentari, i locali potranno proporre un menù dedicato alle intolleranze alimentari (es. menù dedicato a persone che soffrono di celiachia) proponendo piatti che non contengano particolari cibi o potenziali allergeni.   

o BIKE BAR 

Spostarsi con mezzi non inquinanti è il primo passo per favorire una vita sostenibile e sicuramente più sana. I locali potranno favorire questo tipo di mobilità inserendo piccoli accorgimenti a favore dell’utilizzo di biciclette, skate, monopattini etc. (es. posizionamento di rastrelliere al di fuori del locale, pompe per gonfiare le ruote della bicicletta, cacciaviti per poter aggiustare piccole parti dei mezzi). 

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium