Politica - 15 luglio 2019, 17:21

Crisi idrica nel dianese, Chiappori scrive a Toti "Stufo di fare da parafulmine, si apra un tavolo domani mattina" (la lettera)

Questo concetto lo ha ribadito più volte in conferenza stampa il Sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori

Crisi idrica nel dianese, Chiappori scrive a Toti "Stufo di fare da parafulmine, si apra un tavolo domani mattina" (la lettera)

"Mi sono stufato di fare da parafulmine, visto che dal 2013 la competenza idrica è stata tolta ai comuni". Questo concetto lo ha ribadito più volte in conferenza stampa il Sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori. Lo stesso concetto lo ha scritto nero su bianco nella lettera che ha indirizzato al governatore della Liguria Giovanni Toti, il cui testo pubblichiamo integralmente:

"La problematica idrica negli ultimi anni con frequenti e ora sempre più continue rotture in più punti dell'acquedotto nella tratta tra Imperia Borgo Peri e Via Villebone, Diano Marina, si è aggravata come già preannunciato telefonicamente, al punto da costituire un grave danno alla salute pubblica (nel periodo estivo Diano Marina arriva ad ospitare sino a 60.000 persone contemporaneamente). Al problema idrico si aggiunge il grave danno economico consistente anche nella caduta di immagine della città, danno che ci riserveremo di quantificare e di addebitare ai responsabili. La situazione di compromissione del bene e della salute pubblica per la prolungata assenza di approvvigionamento idrico in piena estate ha già cominciato ad avere ripercussioni sull'ordine pubblico, sebbene per ora contenute agli insulti verbali al Sindaco, e pesanti allusioni ad inesistenti responsabilità del sottoscritto".

"A questo punto mi sono stufato di fare da parafulmine alle manchevolezze degli Enti sovraordinati, poiché dal 2013 la competenza del servizio Idrico Integrato è stata tolta ai Comuni passando al Gestore Pubblico RIVIERACQUA S.c.p.a., sotto la supervisione della Provincia e della Regione (L.R. n. 1/2014). È giunta l'ora in questo momento critico, onde evitare da parte mia l'adozione di atti amministrativi che potrebbero crearmi problemi, di riunire un tavolo urgentissimo con i soggetti in indirizzo più R.F.I. per decidere in maniera definitiva l'inizio e il termine dei lavori, e acquisire i fondi e le autorizzazioni, essendo già in possesso di un progetto definitivo per bypassare il punto incriminato. Spero che tutti gli interessati si rendano conto da queste poche righe inviate della gravità della situazione, pertanto è del tutto evidente che il tavolo deve essere aperto domani e possibilmente nel Comune di Diano Marina”.

In questo momento il Presidente della Regione Toti, insieme all'Assessore Giampedrone e ad alcuni altri componenti della Giunta ed i tecnici dell'ente, sono in riunione monotematica sulla problematica idrica del golfo dianese.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

SU