Sanità - 08 settembre 2019, 08:00

Studio pubblicato sul Journal of the Endocrine Society: il 'Bisfenolo A' nelle confezioni per alimenti è pericoloso?

Lo studio aggiunge un crescente numero di prove che collegano le sostanze chimiche bisfenolo con l'obesità e l'aumento di peso

Studio pubblicato sul Journal of the Endocrine Society: il 'Bisfenolo A' nelle confezioni per alimenti è pericoloso?

L’uso del bisfenolo A (BPA), comunemente presente nella plastica, è stato motivo di preoccupazione per cui si sono adottate delle politiche per trovare dei sostituti.

Degli studi recenti,tra adolescenti USA, hanno notato che l'esposizione a sostanze chimiche usate al posto del BPA - il bisfenolo S (BPS) e il bisfenolo F (BPF) sembrano portare ad un aumentato rischio di obesità. Entrambi i componenti hanno una struttura simile al BPA  e si trovano nei più comuni sistemi di impacchettamento dei cibi. Lo studio, pubblicato sul Journal of the Endocrine Society, aggiunge un crescente numero di prove che collegano le sostanze chimiche bisfenolo con l'obesità e l'aumento di peso. Nel 2012, lo stesso gruppo di ricercatori ha trovato un legame tra BPA e obesità infantile.

L'uso di BPS e BPF "sta crescendo perché i produttori stanno sostituendo il BPA con questi prodotti chimici" ha detto in una nota l'autore principale dello studio Melanie Jacobson, della New York University School of Medicine. "Sebbene la dieta e l'esercizio fisico siano ancora considerati i principali motori dell'obesità, questa ricerca suggerisce che anche le esposizioni chimiche comuni possono svolgere un ruolo". [12 Prodotti chimici che alterano l'ormone e loro effetti sulla salute]. Tuttavia, il nuovo studio ha trovato solo un'associazione e non può dimostrare che BPS e BPF causino l'obesità. Può darsi che i bambini che sono già obesi tendano ad avere livelli più elevati di esposizione a questi prodotti chimici, hanno detto gli autori. Quindi, date le prove generali che collegano le sostanze chimiche bisfenolo con l'obesità e il crescente uso di sostanze chimiche sostitutive del BPA, i ricercatori dovrebbero continuare a monitorare i potenziali effetti sulla salute di queste sostanze chimiche, hanno detto gli autori.

Sostanze chimiche che alterano gli ormoni. Il BPA è simile nella struttura agli estrogeni e quindi potrebbe interferire con le azioni degli ormoni nel corpo. La sostanza chimica può penetrare nei prodotti alimentari e bevande dai materiali di imballaggio. Precedenti studi hanno collegato l'esposizione BPA a molti problemi di salute; oltre all'obesità, l'esposizione al BPA è stata legata alla prima pubertà, aborto spontaneo, diabete, malattie cardiache e cancro. Tuttavia, relativamente pochi studi hanno esaminato i potenziali effetti sulla salute legati ad altri prodotti chimici a base di bisfenolo , anche se questi prodotti chimici sostitutivi potrebbero avere effetti simili, hanno detto gli autori.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato le informazioni di oltre 1.800 bambini e adolescenti statunitensi dai 6 ai 19 anni che hanno partecipato a un sondaggio nazionale sulla salute dal 2013 al 2016. Come parte di tale sondaggio, i partecipanti sono stati sottoposti a un esame fisico e hanno fornito campioni di urina. I ricercatori hanno esaminato i livelli di BPA, BPS e BPF nei campioni di urina dei partecipanti. Complessivamente, il 97% dei partecipanti presentava livelli rilevabili di BPA nei loro campioni di urina; L'88% presentava livelli rilevabili di BPS; e il 55% aveva livelli rilevabili di BPF. I bambini con alti livelli di BPS nei loro campioni di urina avevano maggiori probabilità di essere obesi, come determinato dal loro indice di massa corporea (BMI), rispetto ai bambini che avevano bassi livelli di BPS. Inoltre, i partecipanti con livelli rilevabili di BPF avevano maggiori probabilità di avere obesità addominale, il che significa che avevano una circonferenza della vita particolarmente grande, rispetto ai bambini che non avevano livelli rilevabili di BPF. 

I ricercatori hanno notato che è possibile che i bambini obesi consumino più alimenti e bevande contaminati con sostanze chimiche bisfenoliche, o anche che gli alimenti confezionati con materiali contenenti bisfenolo contriubiscano all'obesità. Tuttavia, i risultati sono stati confermati anche dopo che i ricercatori hanno tenuto conto dell'apporto calorico dei bambini, hanno affermato gli autori. Il nuovo studio aggiunge all'evidenza che "i sostituti del BPA potrebbero causare problemi simili a quelli del BPA stesso", ha affermato il dott. Kenneth Spaeth, capo della medicina del lavoro e ambientale della Northwell Health , New York, che non era  coinvolto nello studio. "Dal punto di vista del consumatore, l'etichetta di" BPA free "non dovrebbe necessariamente equivalere al significato che è sicuro o più sano". Il nuovo studio non ha trovato un legame tra BPA e obesità infantile, in contrasto con lo studio del 2012. La mancanza di un legame con BPA nel nuovo studio potrebbe essere dovuta alla caduta dell'uso di BPA negli ultimi anni, portando a un declino dell'esposizione alla sostanza chimica, hanno detto gli autori. Nello studio del 2012, la concentrazione media di BPA nei campioni di urina era di 2,8 nanogrammi per millilitro (ng / ml), rispetto a solo 1,3 ng / ml nello studio attuale.

Sitografia:
Green Me.it: Le plastiche Bpa Free sono davvero sicure?
ESFA
Istituto Superiore Sanità

Disclaimer: tutti gli articoli redatti dal sottoscritto, si avvalgono dei maggiori siti e documenti basati sulle evidenze, ove necessario sarà menzionata la fonte della notizia: essi NON sostituiscono la catena sanitaria di controllo e diagnosi di tutte le figure preposte, come ad esempio i medici. Solo un medico può effettuare la diagnosi ed approntare un piano di curaLe fonti possono non essere aggiornate e allo stato dell’arte possono esservi cure, diagnosi e percorsi migliorati rispetto all’articolo.

Immagini, loghi o contenuti sono proprietarie di chi li ha creati, chi è ritratto nelle foto ha dato il suo consenso implicito alla pubblicazione. Le persone intervistate, parlano a titolo personale, per cui assumono la completa responsabilità dell’enunciato, e dei contenuti.

Il sottoscritto e Sanremonews in questo caso non ne rispondono. Compito dell’infermiere è la somministrazione della cura, il controllo dei sintomi e la cultura all’ Educazione Sanitaria.

Aggiornamento: 06/09/19

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:

SU