/ Cronaca

Cronaca | 10 settembre 2019, 16:53

Riva Ligure: presunta violenza sessuale nei confronti della figlia di 6 anni durante una vacanza in Liguria. Cuneese a processo

I fatti sarebbero avvenuti nell’estate del 2014 durante una vacanza a Riva Ligure. L’uomo era separato dalla madre della bambina e, con la nuova compagna e l’altro figlio, di 4 anni, aveva deciso di trascorrere qualche giorno in riviera

Riva Ligure: presunta violenza sessuale nei confronti della figlia di 6 anni durante una vacanza in Liguria. Cuneese a processo

Papà mi ha fatto una cosa brutta, ma è un segreto tra noi due”. È cominciata così una storia di presunti abusi sessuali di un quarantunenne della provincia di Cuneo nei confronti della figlia di appena 6 anni. I fatti sarebbero avvenuti nell’estate del 2014 durante una vacanza a Riva Ligure. L’uomo era separato dalla madre della bambina e, con la nuova compagna e l’altro figlio, di 4 anni, aveva deciso di trascorrere qualche giorno in riviera.

Al ritorno dalla vacanza, come hanno raccontato la madre e la nonna della bambina oggi in aula durante il processo che vede accusato l’uomo di violenza sessuale, la piccola avrebbe intrapreso comportamenti anomali per una bimba di quell’età, da sola e insieme al fratellino.

Appena la mamma e la nonna le hanno chiesto perché si comportasse in quel modo, la bambina avrebbe fatto intendere che il padre durante il soggiorno in Liguria avrebbe compiuto atti sessuali nei suoi confronti.

Immediata la denuncia al comando dei Carabinieri di Cuneo che ha portato alle indagini e al rinvio a giudizio nei confronti del padre. La piccola è stata seguita da una psicoterapeuta che oggi, testimone al processo, ha ritenuto attendibile il suo racconto. Esiste anche un file audio, una registrazione fatta con il telefono dalla nonna, con la voce della bambina che racconta i presunti abusi del padre.

I giudici Donatella Aschero, Francesca Minieri e Antonio Romano hanno rinviato l’udienza al prossimo 24 settembre. L’accusa è sostenuta dal Pubblico Ministero Paola Marrali. La madre e la nonna della bambina si sono costituite parte civile.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium