/ Attualità

Attualità | 11 settembre 2019, 09:51

Imperia: sui social lanciata la proposta di una borsa di studio a favore della figlia di Sergio Salvagno

A lanciarla è Piero Di Meo, amministratore del gruppo ‘Mugugni d’Ineja e du Portu’

Imperia: sui social lanciata la proposta di una borsa di studio a favore della figlia di Sergio Salvagno

Una proposta di raccolta fondi, per la costituzione di una borsa di studio a favore della figlia di Sergio Salvagno, è partita alcune ore fa sul social network ‘Facebook’. A lanciarla è Piero Di Meo, amministratore del gruppo ‘Mugugni d’Ineja e du Portu’.

Le ‘vele d'epoca’ – scrive - mi hanno fatto venire alla mente una persona, la cui vita e quella dei propri cari, è stata messa a durissima prova, anni addietro, proprio a causa del gesto inconsulto di uno dei partecipanti a questa manifestazione.

Mi riferisco al nostro concittadino Sergio Salvagno che fa la spola tra ospedali e tribunali, ma che, mi dicono, versa sempre in difficoltà fisiche ed anche economiche, in quanto tra processi e ricorsi di soldi non ne ha ancora visti. Allora mi chiedo e vi chiedo, vogliamo dargli ancora un aiuto? Vogliamo esprimergli la nostra solidarietà non solo a parole, ma concretamente, tendendo una mano non tanto a lui, ma alla figlia che, essendo studente ad Alassio, ha le necessità di tutti i giovani che studiano, oltretutto con altissimo profitto? Chi si offre per darmi una mano per costituirle una piccola borsa di studio? Grazie”. Salvagno, ricordiamo, alle Vele d’Epoca 2014 rimase gravemente ferito a un occhio da un razzo di segnalazione lanciato dall’imbarcazione ‘Sif of San Francisco’ dell’armatore americano William McInnes, condannato in primo grado a un anno e due mesi di carcere, pena poi ridotta in appello alla sanzione pecuniaria di 5mila euro. È ancora in corso la causa civile per il risarcimento del danno causato da McInnes, nei confronti di Salvagno e della sua famiglia. Non è la prima volta che gli imperiesi si muovono in solidarietà dell’agronomo, che da quel giorno ha dovuto subire diverse operazioni di chirurgia plastica, oltre a fare i conti con difficoltà a camminare e parlare.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium