/ Cronaca

Cronaca | 16 settembre 2019, 16:33

Diano Castello: presunta lottizzazione abusiva nell'area del camping 'Al Roseto', si è aperto questa mattina il processo

Davanti al giudice Antonio Romano, questa mattina hanno sfilato parte dei testimoni dell’accusa, tra cui i rappresentanti della Regione, che avevano effettuato un controllo sul camping nel 2017, e l’agente di Polizia Locale che aveva partecipato al sequestro

Diano Castello: presunta lottizzazione abusiva nell'area del camping 'Al Roseto', si è aperto questa mattina il processo

Si è aperto con l’audizione dei tecnici della Regione da cui erano partiti gli accertamenti, il processo sul camping ‘Al Roseto’ di Diano Castello, dove nel giugno 2018, un blitz interforze di Pg, Guardia di Finanza e Polizia Municipale di Diano Marina, aveva portato al sequestro di un’area di 30mila metri quadri su cui insisteva un’attività di campeggio che secondo la Procura era totalmente abusiva. Le autorizzazioni infatti sarebbero state rilasciate solo per un'attivia agricola.

Davanti al giudice Antonio Romano, questa mattina hanno sfilato parte dei testimoni dell’accusa, tra cui i rappresentanti della Regione, che avevano effettuato un controllo sul camping nel 2017, e l’agente di Polizia Locale che aveva partecipato al sequestro.

L’accusa contestata alla titolare, Sabrina Patrucco e a Gabriella Glorio è lottizzazione abusiva.

Il giudice ha rinviato il processo al prossimo 18 novembre, quando continuerà l’audizione dei testi dell’accusa, rappresentata dal Pubblico Ministero Barbara Bresci, la quale ha ereditato il fascicolo dalla collega Elisa Loris, non più alla Procura di Imperia.

Per quanto riguarda la parte amministrativa, il procedimento è stato archiviato perché la proprietà aveva provveduto al ripristino dello stato dei luoghi.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium