/ Economia

Economia | 19 settembre 2019, 11:23

Lavoro in provincia di Imperia: tra settembre e novembre 2350 assunzioni, un brusco calo del 15% rispetto al 2018

I dati sono stati forniti dall'indagine condotta dal Sistema Informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere Liguria in accordo con ANPAL.

Lavoro in provincia di Imperia: tra settembre e novembre 2350 assunzioni, un brusco calo del 15% rispetto al 2018

Tra ottobre e novembre, in provincia di Imperia, le assunzioni programmate sono 2.350, il 9% del paniere occupazionale ligure ma soprattutto con un brusco calo del 15,5% rispetto a un anno fa. Il significativo dato viene fornito grazie alla fotografia scattata dal Sistema Informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere Liguria in accordo con ANPAL.

Come se non bastasse la provincia di Imperia è quella che fa peggio su scala regionale, in rapporto ad un anno fa, dove si registra il segno + in tutte le altre province: Genova, 17.670 imprese, 17.050 assunzioni, +11,8%; Savona, 6.960 imprese, 3.490 assunzioni, +10,1%; La Spezia, 5.330 imprese, 3.360 assunzioni, + 9,8%. 

Attraverso questa indagine è stato effettuato un monitoraggio dei fabbisogni occupazionali delle imprese liguri nel trimestre settembre - novembre 2019. Su scala regionale sono previste 26.250 assunzioni (l’8,2% in più rispetto ad un anno fa), di cui 9.350 a settembre (+7,2%), 9.030 ad ottobre (+7,6%) e 7.870 a novembre (+10,1%): rappresentano il 2,2% del totale nazionale, pari a circa 1milione e 174mila.  

Il settore dei servizi assorbirà il 79% delle entrate previste: in particolare si prevedono 4.600 nuove entrate nei servizi alle persone, 4.340 nel commercio, 4.240 nei servizi turistici di alloggio e ristorazione, 2.570 nei servizi di trasporto, logistica e magazzinaggio e 2.440 nei servizi operativi di supporto alle imprese. 

Tra le professioni più difficili da reperire le imprese segnalano i tecnici in campo informatico (il 55,3% delle entrate previste), i progettisti ed ingegneri (54,6%) e gli operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche (53,9%). Rispetto alla classe dimensionale delle imprese, il 54,2% delle entrate previste nel trimestre riguarderà quelle con meno di 50 dipendenti, il 23,7% le imprese con 50-249 dipendenti e il 22,1% quelle con oltre 250 dipendenti. Diploma (34%) e qualifica professionale (26%) sono i titoli di studio più richiesti, in linea con la media nazionale. Per una quota pari al 30% le entrate previste riguarderanno giovani con meno di 30 anni. Rispetto alla tipologia contrattuale proposta, sale dal 25% al 33% la quota di entrate stabili, ossia con contratto a tempo indeterminato. 


L'indagine offre diversi dati anche sulla provincia di Imperia dove su 4.900 imprese con dipendenti, il 17,0% ha comunicato l’intenzione di assumere nuovo personale. Si conferma il trend regionale con commercio e altri servizi, come settori in cui c'è maggiore richiesta di personale rispettivamente il 20,5% e il 19,6%, seguiti da turismo 15,2%, costruzioni 11,8% e manifatturiero 11,1%. 

Tra ottobre e novembre sono previste 1540 assunzioni, rispetto alle complessive 2350: il 23% riguarderà cuochi e camerieri (540), seguiti da commessi (230) e da conduttori di mezzi di trasporto (190). Nella riviera dei fiori tra le professioni più difficili da reperire le imprese segnalano gli operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici (58,1%), cuochi e camerieri (11,0%) e operatori dell’assistenza sociale (5,2%). Rispetto alla classe dimensionale delle imprese, il 74,9% delle entrate previste nel trimestre riguarderà quelle con meno di 50 dipendenti, il 10,2% le imprese con 50-249 dipendenti e il 14,9% quelle con oltre 250 dipendenti.

Anche ad Imperia il diploma (31%) e la qualifica professionale (29%) sono i titoli di studio più richiesti dalle imprese. Il 30% delle entrate previste riguarderà giovani con meno di 30 anni. Infine, un ultimo dato, il 31% delle entrate avrà un contratto a tempo indeterminato: era il 23% nello stesso periodo dell’anno scorso.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium