/ Sanità

Sanità | 22 settembre 2019, 10:20

Sempre più adolescenti hanno bisogno di occhiali da vista: colpa di una sovraesposizione agli schermi degli smartphone?

In un articolo di Tony Hicks , si è giunti a conclusione : gli specialisti affermano che il numero di bambini dai 13 ai 16 anni che hanno bisogno degli occhiali è raddoppiato negli ultimi 10 anni.

Sempre più adolescenti hanno bisogno di occhiali da vista: colpa di una sovraesposizione agli schermi degli smartphone?

In un articolo di Tony Hicks , si è giunti a conclusione : gli specialisti affermano che il numero di bambini dai 13 ai 16 anni che hanno bisogno degli occhiali è raddoppiato negli ultimi 10 anni.

Gli esperti concordano sul fatto  che l'aumento del tempo sullo schermo stia causando problemi alla vista negli adolescenti e nei giovani adulti.

Non è una rivelazione che guardare lo schermo di un telefono o di un computer per ore alla volta non sia  esattamente salutare per gli occhi dei giovani.

Ma potrebbe peggiorare.

Secondo un nuovo studio della società  Scrivens Opticians, la percentuale di bambini dai 13 ai 16 anni che hanno bisogno di occhiali è quasi raddoppiata in meno di un decennio.

 

Tutta quella stimolazione oculare ha apparentemente provocato affaticamento degli occhi, visione offuscata e miopia.

I ricercatori affermano che il 35 percento di quegli utenti di età compresa tra 13 e 16 anni aveva bisogno di occhiali nel 2018. È aumentato rispetto al 20 percento nel 2012.

Nel Regno Unito, quei bambini trascorrono 26 ore alla settimana davanti a uno schermo , inclusi i televisori.

 

"Gli occhi dei bambini continuano a crescere fino alla prima età adulta - e anche la loro visione sta cambiando" , ha detto Sheena Mangat, optometrista di Scrivens , in una nota . "Poiché condizioni come la miopia  possono verificarsi gradualmente nel tempo, né i bambini né i genitori possono vedere i segni, motivo per cui i controlli oculari regolari sono così importanti."

 

Perché l'improvviso aumento nei bambini che hanno bisogno di occhiali dal 2012?

 

Il dott. Paul Karpecki , optometrista di fama  e membro del comitato consultivo per la salute della vista Eyesafe , ha affermato che i medici stanno vedendo più casi di glaucoma e degenerazione miopica della retina negli ultimi anni che possono essere probabilmente attribuiti a un aumento del tempo di schermatura.

 

Queste condizioni si presentavano principalmente nelle persone di 60, 70 e 80 anni.

 

"Ora le persone stanno arrivando (con queste condizioni) nei loro 30 anni", ha detto Karpecki a Healthline. “Ha avuto un incredibile slancio negli ultimi tre o cinque anni. È diventato più critico in tutto il paese. Con il numero di smartphone elevato i bambini non hanno uno sviluppo corretto con i loro occhi. "

 

I bambini di oggi, a differenza di molti altri prima di loro, utilizzano dispositivi elettronici per gran parte della loro vita. Karpecki ha detto che i bambini piccoli tendono a tenere gli schermi più vicini agli occhi .

 

L'American Optometric Association pubblica una scheda informativa di Healthy Vision Using Digital Devices , che evidenzia che i dispositivi "pongono più sfide" e si sono ridotti, creando una maggiore tensione per gli occhi.

 

Il Dr. Ryan Parker è un optometrista e direttore della formazione professionale presso la società di occhiali Essilor of America. Dice che i ricercatori sono ancora nelle prime fasi della comprensione degli effetti a lungo termine del tempo di esposizione prolungato sui bambini.

 

"La luce blu danneggia la retina", ha detto Parker a Healthline. "È cumulativo nel tempo e c'è un legame con l'essere al chiuso e la progressione della miopia. Esiste una gamma di lunghezze d'onda della luce dannose per la retina, che la maggior parte dei dispositivi digitali emette.

 

"La differenza tra oggi e 15 anni fa è che siamo esposti a quantità più elevate di quella luce all'interno dei luoghi chiusi ", ha osservato Parker.

 

Gli effetti negativi di tutta quella luce non si fermano ai bulbi oculari.

 

"La ricerca mostra che una grande quantità di tempo sullo schermo influisce sui modelli di sonno e sullo sviluppo generale del cervello", ha affermato Linsly Donnelly , vicepresidente senior delle attività per i genitori e dei consumatori presso Securly, che sviluppa software che aiuta i genitori a monitorare il tempo dello schermo dei bambini.

 

"Il grande problema di cui la gente si preoccupa è il danno cerebrale e il ricablaggio del cervello", ha detto Donnelly a Healthline. "Non conserviamo anche le informazioni quando leggiamo su uno schermo come quando leggiamo fisicamente un libro perché usiamo diverse parti del cervello".

 

Consigli per i genitori

Lo studio di Scrivens ha anche scoperto che il 73 percento dei genitori intervistati ha affermato che è una sfida far sì che i loro figli possano riporre i loro dispositivi per alcune ore.

 

Oltre un quarto dei genitori ha anche affermato di non aver mai portato il proprio bambino per un esame della vista.

 

"I genitori hanno sempre una lunga lista di controllo al  ritorno da scuola, ma far testare gli occhi dei tuoi figli dovrebbe essere una priorità", ha detto Mangat. "Non pensiamo due volte a portare i nostri bambini dal pediatra se dovessero ammalarsi o dal dentista per controlli regolari, ma, probabilmente, un esame annuale della salute degli occhi è altrettanto importante."

 

L'American Optometric Association raccomanda la regola 20-20-20, secondo la quale gli occhi umani hanno bisogno di una pausa di 20 secondi dagli schermi ogni 20 minuti per guardare qualcosa a 20 piedi di distanza (6 metri circa).

 

L'organizzazione afferma inoltre che gli utenti dovrebbero fare una pausa di 15 minuti ogni due ore trascorse su un dispositivo.

 

I genitori possono anche combattere la tecnologia con la tecnologia.

 

C'è la tecnologia di filtraggio della luce e le impostazioni del dispositivo possono essere modificate per controllare la quantità di luce che bombarda gli occhi sensibili.

 

 

Tratto da Healthline, by Tony Hicks

 

 

Disclaimer:

Tutti gli articoli redatti dal sottoscritto, si avvalgono dei maggiori siti e documenti basati sulle evidenze, ove necessario sarà menzionata la fonte della notizia: essi NON sostituiscono la catena sanitaria di controllo e diagnosi di tutte le figure preposte, come ad esempio i medici. Solo un medico può effettuare la diagnosi ed approntare un piano di cura.

Le fonti possono non essere aggiornate e allo stato dell’arte possono esservi cure, diagnosi e percorsi migliorati rispetto all’articolo.

Immagini, loghi o contenuti sono proprietarie di chi li ha creati, chi è ritratto nelle foto ha dato il suo consenso implicito alla pubblicazione.

Le persone intervistate, parlano a titolo personale, per cui assumono la completa responsabilità dell’enunciato, e dei contenuti.

Il sottoscritto e Sanremonews in questo caso non ne rispondono.

 

Compito dell’infermiere è la somministrazione della cura, il controllo dei sintomi e la cultura all’ Educazione Sanitaria.

Aggiornamento : 09/06/19

 

                                                          

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium