/ Eventi

Eventi | 08 ottobre 2019, 21:41

Imperia: tre giovedì di avvicinamento alla festa di Ognissanti organizzati dal Movimento 'Pro Sanctitate'

Verranno presentate tre figure, che aiuteranno a concretizzare nella quotidianità come la santità possa contagiare il mondo, introdotte da tre sacerdoti: don Enrico Gatti, don Matteo Boschetti e don Edmondo Bianco.

Imperia: tre giovedì di avvicinamento alla festa di Ognissanti organizzati dal Movimento 'Pro Sanctitate'

‘Un tuffo nella santità e nella fraternità’: sarà un’immersione nella vita di tre testimoni che il Movimento ‘Pro Sanctitate’ di Imperia proporrà nel mese di ottobre alla Chiesa Ave Maris Stella (Marina di Porto Maurizio) nei giorni 10, 17 e 24 ottobre alle 21, per prepararsi a vivere la festa di tutti i santi con la veglia del 31 ottobre nella stessa chiesa.

Giovedì prossimo aprirà la serata un giovane ingegnere, Filippo Gagliardi, morto trentenne mentre era in attesa, un mese dopo, della nascita del suo primo figlio. Non è una storia di dolore, ma una storia di speranza, amore, condivisione, fede. Filippo non ha solo continuato a vivere durante la sua malattia con fede solida, ma si è trasformato in un esempio per molti e in particolare per i suoi giovani amici, per gli animatori dell’oratorio, per i ragazzi della parrocchia e per i tanti che ne hanno sentito parlare. Filippo ha vissuto seguendo la strada della santità perché, come ha detto papa Francesco “Essere santi non è un privilegio di pochi, ma una vocazione per tutti!”.

Il 17 ottobre è la volta di una ragazza, Angelica Tiraboschi, una 19enne che ha lasciato un ricordo indelebile nel cuore di tutti. Apprezzata e conosciuta per la sua semplicità, profondità, dolcezza, spontaneità, solarità e gioia di vivere, Ha conosciuto presto il significato della croce che ha accettato accolto e portato fino in fondo con la forza della fede e della preghiera, che le hanno permesso di dare un significato ad ogni prova e sofferenza da affrontare.

Il 24 ottobre conclude le serate un testimone della nostra terra, don Angelo Bianco, sacerdote che in giovane età ha seguito la propria vocazione missionaria, affidandosi allo Spirito e mettendosi in viaggio da Andora fino ai sentieri sterrati e sconosciuti della  Costa D’Avorio. Come sacerdote in terra di missione, don Angelo, ha saputo andare  incontro all’uomo, con umiltà e rispetto. Dove vince l’amore la fede si propaga. “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” (Mt 10,8).

Queste figure, che aiuteranno a concretizzare nella quotidianità come la santità possa contagiare il mondo, verranno presentate da tre sacerdoti: don Enrico Gatti, don Matteo Boschetti e don Edmondo Bianco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium