/ Cronaca

Cronaca | 05 novembre 2019, 16:00

Imperia: vicina la chiusura dell'inchiesta sui viaggi in aeroporto del Sindaco Scajola, ieri sentito in procura l'autista Gianfranco Vece

Per Vece, all'accusa di peculato d'uso, si aggiunge anche quella di truffa aggravata ai danni dello Stato, reato che sarà contestato anche al Sindaco, in concorso

Imperia: vicina la chiusura dell'inchiesta sui viaggi in aeroporto del Sindaco Scajola, ieri sentito in procura l'autista Gianfranco Vece

Duemila euro il danno erariale ipotizzato dalla procura di Imperia che indaga sui viaggi del Sindaco Claudio Scajola verso gli aeroporti di Genova e Torino, da dove il primo cittadino è partito in aereo verso Reggio Calabria per seguire le udienze del processo ‘breakfast’ che lo vede imputato per aver favorito la latitanza di Amedeo Matacena (proprio ieri il Pm Giuseppe Lombardo ha chiesto per Scajola una condanna a quattro anni e mezzo).

Per la procura, il sindaco avrebbe usufruito dei rimborsi dal Comune per recarsi agli aeroporti. Ieri pomeriggio la procura ha interrogato l’altro indagato nell’inchiesta: l’autista Gianfranco Vece, mentre la guardia di finanza, che ha presentato la relazione ai magistrati Grazia Pradella e Luca Scorza Azzarà, aveva sentito altri dipendenti comunali che avrebbero dovuto controllare gli spostamenti di sindaco e autista e i relativi rimborsi spese.

Per Vece, all'accusa di peculato d'uso, si aggiunge anche quella di truffa aggravata ai danni dello Stato, reato che sarà contestato anche al Sindaco, in concorso.

L'inchiesta è vicina alla chiusura e non è prevista una proroga.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium