/ Politica

Politica | 08 novembre 2019, 11:45

Imperia: La Corte dei Conti approva il piano di riequilibrio, Scajola "La città è salva" (foto e video)

“Un piano – ha dichiarato il Sindaco – che se non fosse stato approvato avrebbe portato alla proclamazione del dissesto finanziario e al commissariamento del Comune”

Imperia: La Corte dei Conti approva il piano di riequilibrio, Scajola "La città è salva" (foto e video)

Imperia è salva”. È l’enfasi con cui il Sindaco Claudio Scajola ha annunciato oggi alla stampa l’approvazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale da parte della Corte dei Conti, nel corso dell’udienza di ieri mattina a Genova.

Un piano – ha dichiarato il Sindaco – che se non fosse stato approvato avrebbe portato alla proclamazione del dissesto finanziario e al commissariamento del Comune”.

Un piano, quello redatto dall’Assessore al bilancio Fabrizia Giribaldi, insieme al superconsulente Marco Rossi e agli uffici finanziari che ha portato a maggiori entrate da parte dell’ente individuate con l’imposta di soggiorno che finora ha portato incassi per 360mila euro. Altre entrate sono arrivate grazie alla gestione dei parcheggi a raso che ha portato a un’utile di 600mila euro, “a fronte di 63mila euro incassati precedentemente”, hanno chiarito il Sindaco e l’Assessore.

Ancora, il Comune ha avviato gli accertamenti contro chi non pagava Tari e Tosap, in particolare l’imposta sul suolo pubblico. “Per quanto riguarda la cifra esatta del recupero di queste imposte bisognerà attendere qualche mese. Possiamo dire che finora la maggiore evasione ha riguardato la Tari del 2014 che rischiava di andare in prescrizione e l’imposta sul suolo pubblico che riguarda i mercati”, hanno spiegato.

Per quanto riguarda la riduzione delle spese, Scajola torna su quelle legali, scese da 470mila euro l’anno a un importo inferiore a 200mila euro. “Questo grazie alle transazioni. Noi non vogliamo litigare con il cittadino, e se siamo trascinati in giudizio contrattiamo le parcelle”.

Un’altra riduzione delle spese ha riguardato l’esternalizzazione degli asili nido, “che ha portato comunque a un incremento del 25% di bambini che ne usufruiscono”, ha detto il Sindaco, che ha parlato anche di un nuovo servizio affidato a una società privata che si occuperà di aiutare il comando di polizia municipale, anche nella riscossione delle multe che al momento equivale al 16% di quelle fatte.

Tutto questo porta l'ente a pagare la rata annuale di 1,2 milioni di euro, che pagherà fino al 2027, del piano di riequlibrio

Questi interventi ci permettono di pensare al futuro e al decoro della città. Questo sarà l’anno dei cantieri, il prossimo punteremo sul verde pubblico, su cui stanzieremo più fondi, e l’arredo urbano”, ha concluso Scajola.


Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium