/ Cronaca

Cronaca | 30 novembre 2019, 07:11

In arrivo per domani una nuova perturbazione: le preoccupazioni maggiori a Rocchetta Nervina e Cenova di Rezzo

Secondo le prime avvisaglie dovrebbe essere sulla falsa riga della precedente, anche se ovviamente meno insistente visto che la settimana scorsa piovve per giorni e giorni. Ma il problema è sempre il solito, quello del piovere… sul bagnato. Il terreno è saturo ovunque ed il rischio di nuove frane è chiaramente dietro l’angolo.

In arrivo per domani una nuova perturbazione: le preoccupazioni maggiori a Rocchetta Nervina e Cenova di Rezzo

Una provincia e, soprattutto, due piccoli paesi con il naso all’insù. Non oggi, perché le previsioni confermano il bel tempo, ma domani. Una settimana dopo il weekend che ha devastato la nostra regione, provocando il crollo del viadotto sulla A6 e tante piccole frane, eccoci di nuovo ad attendere un’altra perturbazione, che transiterà domani per tutta la giornata.

Secondo le prime avvisaglie dovrebbe essere sulla falsa riga della precedente, anche se ovviamente meno insistente visto che la settimana scorsa piovve per giorni e giorni. Ma il problema è sempre il solito, quello del piovere… sul bagnato. Il terreno è saturo ovunque ed il rischio di nuove frane è chiaramente dietro l’angolo.

Il timore di nuove frane c’è ovunque ma due piccoli centri dell’entroterra, Rocchetta Nervina e Rezzo, drizzano particolarmente le antenne visto quanto è accaduto questa settimana. Nel primo caso c’è una strada da ricostruire e, proprio lunedì verrà presentato il progetto, ma le nuove piogge non aiutano di certo.

Nel secondo abbiamo un paese e, soprattutto, una frazione in totale apprensione. Cenova ha 11 sfollati ed un terreno che scende inesorabilmente. E’ stato anche lanciato un appello (QUI) per far qualcosa oggi, prima delle piogge. Una chiamata a raccolta, pala e picco, per poter aiutare la frazione ad affrontare il maltempo di domani.

Il nostro è un territorio martoriato, lo abbiamo ripetuto più volte negli ultimi anni e ancora di più questa settimana. Servono interventi concreti per modificare la situazione viaria e per lavorare sulle vie di accesso ai paesi dell’entroterra. Ma ora serve anche un po’ di tregua dal maltempo e, dalle previsioni sembra che almeno i primi giorni della prossima settimana saranno risparmiati.

Ce lo auguriamo ma ora c’è attesa per le previsioni della tarda mattinata di Arpal, le uniche lo ricordiamo ufficiali e serie (anche se in molti si avocano la paternità di previsioni e soprattutto di messaggi di allerta che spettano esclusivamente ad Arpal e Protezione Civile). Non è ovviamente da escludere una nuova allerta per domani. Speriamo non sia particolarmente elevata anche se la perturbazione è lì vicino alla nostra zona e, quasi certamente, domani si sistemerà sul Nord-Ovesta della penisola.

Occhi al cielo domani e attenzione alle zone già a rischio.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium