/ Sanità

Sanità | 04 dicembre 2019, 13:52

Sanità: da domani a Genova il 13° congresso nazionale dell’Associazione Italiana della tiroide

Il genovese Bagnasco prossimo presidente AIT

Sanità: da domani a Genova il 13° congresso nazionale dell’Associazione Italiana della tiroide

L’Associazione Italiana della Tiroide (AIT) ha scelto Genova quale sede del suo tredicesimo Congresso Nazionale; da domani, giovedì 5 dicembre a sabato 7 presso il Centro Congressi Porto Antico si incontreranno nella nostra città i più noti esperti di patologia tiroidea, a livello non solo italiano ma internazionale.

“Rivolgiamo il nostro benvenuto a tutti coloro che arriveranno a Genova per questo importante appuntamento – affermano la vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale e l’assessore alla Formazione Ilaria Cavo –. La scelta di svolgere qui il Congresso nazionale è legata anche alle professionalità di altissimo livello che operano nei nostri ospedali e in particolare all’Ospedale Policlinico San Martino, in sinergia con l’Università, testimoniata anche dal nuovo incarico che verrà assegnato al professor Bagnasco, futuro presidente dell’Associazione italiana: ne siamo orgogliose e siamo certe che saprà portare alto il nome di Genova e della Liguria in Italia a all’estero. Da parte nostra – concludono - l’attenzione è rivolta alla corretta informazione ai cittadini e alla prevenzione, per favorire la diagnosi precoce, fondamentale anche in relazione a queste patologie”.

La frequenza delle malattie tiroidee è ormai ampiamente nota, sia in termini di riscontro di noduli alla ghiandola che di alterazioni della sua funzione. L’ipotiroidismo è la forma di disfunzione tiroidea più frequente: i suoi segni e sintomi possono essere per lungo tempo sfumati e poco rilevanti, ma le conseguenze, in caso di non riconoscimento e non trattamento quando necessario, possono essere importanti. Da non dimenticare poi che l’ipotiroidismo, almeno in fase conclamata, può essere una causa rilevante di aumento del colesterolo nel sangue, con le importanti conseguenze che tutti conosciamo. Forse il problema più conosciuto riguardante la patologia tiroidea è la presenza di noduli, frequentissima, con il conseguente timore per il rischio tumorale.

“Fortunatamente ci sono buone notizie –  rassicura Marcello Bagnasco, Professore genovese e prossimo Presidente AIT - : se da un lato stiamo diagnosticando sempre più noduli tiroidei e quindi è in aumento anche la diagnosi di tumore della tiroide (il 5-10% dei noduli visti all’ecografia possono essere neoplastici), scopriamo che la grande maggioranza dei tumori tiroidei hanno aggressività scarsa e non mettono in pericolo la vita del paziente. Per di più la diagnostica sta facendo grandi progressi per individuare appropriatamente i noduli a rischio tumorale ed evitare trattamenti e chirurgie non necessarie”.

L’attenzione degli studiosi del settore si concentra attualmente appunto sulla puntualità della diagnosi, sulla scelta e la personalizzazione del trattamento quando necessario, con particolare cura nelle (fortunatamente poche) forme molto aggressive di tumore, per le quali ad oggi sono state comunque messe a punto terapie precedentemente non disponibili. Da non sottovalutare poi, ricorda Marcello Bagnasco, l’importanza della prevenzione in ambito di patologia tiroidea: la iodoprofilassi, l’uso costante del sale iodato (nella modica quantità indicata anche dagli esperti di malattie cardiovascolari: “poco sale ma iodato”) è stato ed è lo strumento fondamentale per ridurre la prevalenza del gozzo, dei noduli tiroidei e delle forme più aggressive di tumori della tiroide. La nostra regione è stata all’avanguardia nel monitoraggio dell’uso del sale iodato e nella valutazione della prevalenza del gozzo, e dalle ultime indagini epidemiologiche effettuate dalle nostre équipes specializzate è risultato che la carenza iodica, storicamente ben presente nella nostra regione e in particolare nel nostro entroterra, appare ormai superata almeno nelle giovani generazioni.

Di particolare importanza è poi il corretto apporto di iodio durante la gravidanza, per l’adeguato sviluppo, soprattutto neurologico e poi intellettuale, del feto e del neonato e per la prevenzione dell’ipotiroidismo neonatale. Di questo si parlerà a lungo nel Convegno, con l’intervento degli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità che hanno coordinato gli studi in materia.

www.congressoait2019.it 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium