/ Cronaca

Cronaca | 10 gennaio 2020, 07:14

Oggi è il 'Rocchetta Day': in Val Nervia alle 8 le prove di carico e poi la cerimonia per riaprire la Provinciale 68

Alla presenza del Presidente della Regione Toti e delle massime autorità provinciali, l'inaugurazione ufficiale del ponte installato nei giorni scorsi.

Le prove di carico di stamattina

Le prove di carico di stamattina

Oggi è sicuramente il ‘Rocchetta Day’, perché finalmente il piccolo centro della Val Nervia esce dall’isolamento che dura dal 27 novembre scorso. Erano le 11 del mattino, quando il terreno sotto la Provinciale 68 a 2,5 km dal paese ha iniziato a cedere.

Un scricchiolio e poi parte del guard-rail si è staccato facendo scattare l’allarme. La strada è stata subito chiusa al traffico e la situazione, dopo giorni di piogge incessanti, è apparsa subito chiara. Il Sindaco Marco Rondelli, insieme al collega di Dolceacqua Fulvio Gazzola hanno immediatamente chiamato la provincia ed è partito il lavoro per fare in modo che i ‘rocchettini’ potessero almeno andare avanti e indietro a piedi.

Si è aperto un camminamento provvisorio alle spalle della strada che, pian piano ha continuato a cedere. Già nelle ore successive è stato sistemato un sentiero (con tanto di luci per la sera) ed è anche stata costruita una scala in poche ore. Dopo un paio di giorni la sentenza: ci vorranno mesi per sistemare la strada. Ed è nata l’idea del ponte. I tecnici ed i dirigenti della Provincia si sono messi al lavoro, trovando l’azienda di Brescia che noleggia i ponti ‘Bailey’ ma serviva un lavoro di sistemazione con plinti per allestire il luogo dove avrebbe dovuto lavorare la gru.

Si è lavorato tanto, anche nei giorni di festa ma, alla fine, il risultato è già sotto gli occhi di tutti. Questa mattina alle 8 verranno fatte le prove di carico con pesi da 35 tonnellate, con il team di tecnici formato dall'Ing. Russo, i Geometri Barla Lorenzi e Pisano ed il tecnico esterno incaricato l'Ing. Cialone. 

Quindi una cerimonia con le autorità regionali, provinciali e locali. Alla fine si potrà tornare a transitare con le auto ed i piccoli furgoni per ridare una viabilità attesa da 45 giorni.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium