/ Cronaca

Cronaca | 15 gennaio 2020, 10:13

Ventimiglia: frana di ieri in corso Toscanini, rocciatori al lavoro ma preoccupa la messa in sicurezza (Foto e Video)

A breve la strada dovrebbe essere liberata ma servirà un importante lavoro, anche con indagini geologiche, per rendere sicuro il transito. Rocciatori già in azione.

Ventimiglia: frana di ieri in corso Toscanini, rocciatori al lavoro ma preoccupa la messa in sicurezza (Foto e Video)

E’ sempre bloccata la strada statale Aurelia a Ventimiglia, nella zona di corso Toscanini nei pressi del Forte dell’Annunziata, dove ieri sera un grosso fronte composto da rocce e terra è sceso, invadendo completamente la carreggiata.

Sul posto, ieri sono intervenuti i Vigili del Fuoco della città di confine, i Carabinieri, la Polizia Municipale ed anche il sindaco Gaetano Scullino, che è tornato nella zona questa mattina. Sul posto stanno lavorando due rocciatori, per agevolare la caduta del terreno rimasto sulla montagna e per rimuovere le reti che sono state distrutte dallo smottamento di terreno. Per fortuna non si sono registrati feriti.

La conferma è arrivata questa mattina dal Sindaco della città di confine, Gaetano Scullino, che è comunque preoccupato per quella che sarà la messa in sicurezza della parete, successiva alla rimozione dei detriti: “Per fortuna non registriamo feriti – ha detto - anche se dobbiamo intervenire subito su questa strada che, seppur secondaria, è particolarmente trafficata. Attraverso il geologo dovremo studiare la messa in sicurezza ed ora, con l’aiuto dell’Anas e dell’impresa, cercheremo di sgomberare la strada ma quello che ci preoccupa è il ripristino. Dovremo lavorare per la messa in sicurezza, da fare con grande attenzione e realizzare un progetto, per il quale chiederemo fondi alla Regione con i fondi di sicurezza, per sistemare l’intero versante”.

La frana si è verificata in un punto dove nel 2002 si era già verificato un analogo smottamento, tanto da essere messo in sicurezza con le reti. Nonostante questo la montagna ha ceduto portando a valle anche i sistemi di contenimento ed i pali dell'illuminazione pubblica. Non c'erano state avvisaglie di un possibile crollo.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium