/ Politica

Politica | 19 gennaio 2020, 13:34

#Liguria2020: il presidente Toti ed il centrodestra unito chiedono che il Governo agisca sulle infrastrutture "Un'endemica mancanza di investimenti e la necessità di intervenire subito" (Foto e Video)

“Il nodo autostrade, lo ripeterò all’infinito, è inascoltato. Da un anno e 6 mesi aspettiamo si aspetta di capire che cosa il governo intenda fare con Autostrade".

#Liguria2020: il presidente Toti ed il centrodestra unito chiedono che il Governo agisca sulle infrastrutture "Un'endemica mancanza di investimenti e la necessità di intervenire subito" (Foto e Video)

“Questo è stato un momento di approfondimento sul ponente, le vicissitudini dell’autunno scorso, le infrastrutture danneggiate hanno aggravato una situazione che già di per se sconta un’endemica mancanza di  investimenti e la necessità di intervenire al più presto”. 

E’ questa la conclusione di Giovanni Toti, governatore della Liguria, al termine del confronto a Sanremo, durante gli ‘Stati Generali di Liguria Popolare. Un’iniziativa politica che di fatto è risultata essere il primo incontro pubblico ufficiale, in provincia di Imperia, per la coalizione di centro destra pronta a sostenere Toti, per un secondo mandato.

L'INTERVISTA AL PRESIDENTE DI REGIONE LIGURIA GIOVANNI TOTI



Una giornata per parlare di infrastrutture ed ambiente. Così, sullo stesso palco, Liguria Popolare, ha portato oltre al consigliere regionale e presidente, Andrea Costa, anche gli altri rappresentanti dei partiti: Carlo Bagnasco per Forza Italia, l’On. Flavio Di Muro per la Lega, Massimiliano Iacobucci per Fratelli d’Italia. Con loro anche Marco Bucci, sindaco di Genova e commissario straordinario per la Ricostruzione del Viadotto Polcevera dell'autostrada A10, dopo il crollo del Ponte Morandi.

Il tema delle vie di collegamento e della sicurezza ha tenuto banco per tutta la durata dell’incontro odierno.  I lavori sono stati aperti da Antonio Bissolotti, per Liguria Popolare e dopo breve ha fatto il suo ingresso sul palco, il sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, a testimonianza che i temi trattati oggi non conoscono colore politico.

LE INTERVISTE AL SINDACO ALBERTO BIANCHERI ED AI RAPPRESENTANTI DELLA COALIZIONE DI CENTRODESTRA



I rappresentanti ponentini del centrodestra unito hanno lanciato un grido comune chiedendo al Governo centrale un’azione di intervento su temi importanti per la provincia di Imperia ma più in generale per tutta la Liguria, come la conclusione dell’Aurelia Bis, piuttosto che il raddoppio ferroviario.

“Questo è stato uno dei molti incontri  che si stanno facendo sul territorio promossi dalle forze politiche del centrodestra che fanno parte della  coalizione e del prossimo governo regionale. Poi a Sanremo la settimana prossima comincia il Festival e tra 10 giorni sarà un momento di grande visibilità per lanciare questo territorio che ha grandi chance e sta crescendo  ed ha ritrovato consapevolezza. Un territorio che ha bisogno che anche il Governo centrale se ne renda conto e giornate come questa in cui possiamo lanciare un grido d’aiuto credo che facciano bene” - ha aggiunto il governatore della Liguria.

Poi, sulla questione autostrade, il Governatore della Liguria ha chiesto che il Governo prenda una decisione rompendo l’immobilismo che sta danneggiando la regione da oltre 1 anno. “Il nodo autostrade, lo ripeterò all’infinito, è inascoltato. Da un anno e 6 mesi si aspetta di capire che cosa il Governo intenda fare con Autostrade. Nel frattempo tutto quello che ruota intorno al mondo di autostrade è bloccato. I grandi investimenti come la Gronda, i piccoli investimenti come altre opere collegate a quei contratti di concessione. In tutto questo  tempo e nel frattempo non è dato sapere alle istituzioni locali qual è  lo stato di salute delle gallerie e dei viadotti perchè non abbiamo alcuna possibilità di controllare".

"Se la smettiamo di perdere drammaticamente tempo e decidiamo che cosa vogliamo fare, il Governo ha maggioranza politica in parlamento e possibilità legittima di decidere che cosa vuol fare. Purché lo faccia e la smetta di scaricare su grida manzoniane, proclami bellicosi, interviste da talk show, la propria responsabilità di non avere fatto negli ultimi due anni”
- conclude Toti

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium