/ Cronaca

Cronaca | 24 febbraio 2020, 07:11

Emergenza #Coronavirus nella nostra provincia: a mezzanotte è scattata l'ordinanza, tutto fermo in attesa delle decisioni delle singole Amministrazioni

Ieri sera i supermercati sono stati presi d’assalto e ci si augura che la ‘psicosi’ a cui sono arrivati anche i residenti della nostra provincia si plachi, evitando scene come quelle viste alle casse della grande distribuzione, dove gli scaffali sono stati svuotati.

Emergenza #Coronavirus nella nostra provincia: a mezzanotte è scattata l'ordinanza, tutto fermo in attesa delle decisioni delle singole Amministrazioni

A mezzanotte è scattata l’ordinanza della Regione che, di fatto, blocca tutte le attività pubbliche il Liguria. Un provvedimento che, annunciato alle 19.30, era nell’aria nel corso del pomeriggio per prevenire eventuali contagi, come avvenuto in regioni vicine nel Nord Italia.

Ricordiamo innanzi tutto gli ‘stop’ che sono scattati alla mezzanotte appena trascorsa e proseguiranno almeno fino alle 24 del 1° marzo. Sono state sospese tutte le manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico, di qualsiasi natura; chiuse tutte le scuole comprese le Università, salvo le attività formative svolte a distanza e quelle relative alle professioni sanitarie, compresi i tirocini.

Fermate le gite scolastiche, sia sul territorio nazionale che all’estero. Saranno chiusi musei ed altri istituti e luoghi della cultura come le biblioteche. Non si saranno i concorsi, salvo quelli relativi alle professioni sanitarie. Tornando allo sport, nella tarda serata di ieri abbiamo appreso che non l’ordinanza non riguarda gli allenamenti anche nelle strutture comunali. Nel caso, una decisione in merito potrà essere presa singolarmente dalle Amministrazioni locali.

Come cambia lo scenario nella nostra provincia dopo l’ordinanza di ieri? Intanto tutte le maggiori amministrazioni locali si riuniranno già questa mattina per studiare il da farsi. Intanto è praticamente saltata la prima manifestazione pubblica a Sanremo, ovvero il ‘Master Expo’, che sarebbe giunta quest’anno alla terza edizione e che si sarebbe dovuta svolgere mercoledì e giovedì al Palafiori. Stop, almeno per oggi, al ‘Festival della Legalità’, previsto fino a mercoledì al Casinò.

Ed a proposito di casa da gioco, questa ha chiuso ieri sera a mezzanotte mentre oggi si riunirà il Cda e, di concerto con l’Amministrazione comunale prenderà le decisioni in merito per questa settimana.

Ad Imperia stop alla manifestazione prevista da oggi con Tim per il ‘Risorgimento digitale’ ma saranno molti gli appuntamenti, più o meno importanti che saranno fermati nel corso della settimana. Tra questi anche molte feste di Carnevale che erano previste tra oggi e domani. Anche la Chiesa è intervenuta con una serie di regole ferree messe in campo dalla Diocesi di Ventimiglia-Sanremo (si attendono le decisioni di quella di Albenga-Imperia)tra cui la sospensione delle celebrazioni eucaristiche, mentre si potranno svolgere matrimoni e funerali ma solo alla presenza di parenti stretti.

C’è preoccupazione per le decisioni che verranno prese dai governi stranieri al confine con l’Italia e, per quanto ci riguarda, la Francia vedrà diversi incontri in merito, tra cui uno anche a Nizza. Ieri sera i supermercati sono stati presi d’assalto e ci si augura che la ‘psicosi’ a cui sono arrivati anche i residenti della nostra provincia si plachi, evitando scene come quelle viste alle casse della grande distribuzione, dove gli scaffali sono stati svuotati.

Files:
 ORDINANZA CORONAVIRUS REGIONE LIGURIA (1.0 MB)

Carlo Alessi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium