/ Cronaca

Cronaca | 24 febbraio 2020, 07:11

Imperia: aggredisce agenti in carcere, assolto poiché affetto da vizio totale di mente

L'episodio si è registrato nell'istituto penitenziario cittadino dove l'uomo si trovava ristretto in seguito al trasferimento da Savona. Il giudice monocratico ha, però disposto per un anno la libertà vigilata in una struttura

Imperia: aggredisce agenti in carcere, assolto poiché affetto da vizio totale di mente

Il giudice monocratico di Imperia, Laura Russo, ha emesso una sentenza di assoluzione poiché l'imputato era affetto da vizio totale di mente all'epoca dei fatti contestati. D.C. era finito a processo con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali per un episodio registratosi al carcere di Imperia, nella primavera dello scorso anno, dove l'uomo si trovava detenuto in quanto trasferito in seguito ad un fatto avvenuto a Savona nei giorni precedenti. L'imputato era  difeso dall'avvocato Paola Lettieri la quale, al termine della propria arringa, aveva richiesto la non imputabilità, per questi motivi, del proprio assistito. 

L'uomo da poco giunto nell'istituto penitenziario cittadino aveva dato in escandescenze contro gli agenti della polizia penitenziaria, ma alla luce della sentenza emessa dal giudice monocratico, versava in una totale incapacità di intendere e di volere e quindi non è imputabile. Durante la propria requisitoria anche il pubblico ministero, Lorenzo Fornace, era giunto alla medesima conclusione, alla luce della perizia forense, richiedendo l'assoluzione per totale vizio di mente dell'imputato. Il giudice monocratico Russo ha comunque disposto per l'uomo la misura della libertà vigilata in una struttura idonea per la durata di un anno.

Angela Panzera

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium