/ Cronaca

Cronaca | 24 marzo 2020, 14:28

Coronavirus: morto al San Martino il cameraman e giornalista Paolo Micai, era ricoverato alle Malattie Infettive del San Martino

Aveva 60 anni, stava lavorando a un documentario sulla ricostruzione del ponte Morandi. Il cordoglio del presidente della regione Giovanni Toti e dell'ordine dei giornalisti della Liguria

Coronavirus: morto al San Martino il cameraman e giornalista Paolo Micai, era ricoverato alle Malattie Infettive del San Martino

Il mondo del giornalismo ligure piante Paolo Micai, morto questa mattina all'età di 60 anni nel reparto di malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova dove era ricoverato a causa del coronavirus. Prima che il virus lo colpisse stava lavorando a un documentario sulla ricostruzione del ponte Morandi.
Lo ricorda il presidente della regione Giovanni Toti: "E’ con un grandissimo dolore che esprimo il cordoglio mio e di tutta la Giunta regionale per la scomparsa di Paolo Micai. Paolo era uno stimato professionista, un regista televisivo validissimo che ha lavorato per Mediaset e per tantissime altre aziende televisive. Oggi la televisione e l'informazione perdono uno dei suoi migliori professionisti. Un pensiero commosso va alla famiglia in questo momento di dolore". Al cordoglio  del presidente Toti si unisce anche l’Ufficio Stampa di Regione Liguria che esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia.
Anche l'ordine dei giornalisti della Liguria esprime il suo cordoglio per la scomparsa di Micai: "E’ morto stamattina nel reparto di malattie infettive del San Martino, stroncato dal coronavirus, Paolo Micai, cameramen e giornalista professionista genovese di 60 anni. Micai lavorava per Mediaset. Aveva seguito tutti i principali avvenimenti genovesi degli ultimi anni ed era ricoverato da una quindicina di giorni a causa del Covid 19. Negli ultimi giorni le sue condizioni si erano aggravate e Paolo dopo aver indossato il casco respiratorio era stato intubato. All'alba di oggi il decesso. Micai è stato colto dal male mentre stava seguendo l’emergenza coronavirus effettuando dirette da diversi ospedali. Professionista attento e scrupoloso, coraggioso, innamorato del suo lavoro, generoso e disponibile verso i colleghi, Paolo era molto stimato ed apprezzato. Ai familiari giungano le condoglianze dell'Ordine dei Giornalisti della Liguria".

"Non era una questione di tecnica ma di grande sensibilità: con la cura per ogni dettaglio, l'attenzione curiosa e garbata per chiunque e qualunque immagine avesse di fronte, un vero artista della ripresa tv e un grande professionista che oggi piangiamo”. Così l’assessore regionale alla Cultura e alla Comunicazione Ilaria Cavo ricorda il regista Paolo Micai, scomparso oggi per le complicanze da coronavirus. “Dal crollo della torre Piloti a quello di Ponte Morandi Paolo ha sempre saputo cogliere e rendere l'immagine migliore, più vera” ricorda Cavo – “Dei timelapse è stato un maestro, impegnatissimo di recente nel racconto della ricostruzione del Ponte di Genova con il progetto #AvantiGenova. Ci credeva, amava la sua città , la sua regione. Aveva anche ricevuto dei premi per come era riuscito a raccontarla. In quest'ultimo periodo raccontava l'attualità del coronavirus, ma anche, nel minimo dettaglio, la ricostruzione del nuovo ponte, con una grande voglia di guardare avanti, con quel piglio deciso ma gentile che in passato, lavorando insieme, ho potuto toccare con mano. Univa velocità e precisione, rapidità e profondità, ritmo e garbo. Da grande professionista ha saputo reinventarsi spesso, adeguarsi a tempi e tecnologie. Insegnava anche agli aspiranti videomaker. La speranza, oggi, nell'esprimere vicinanza alla sua famiglia – conclude l’assessore Cavo - è che insieme alla sua tecnica siano passati proprio ai giovani, ai professionisti del domani i suoi valori, il suo punto di vista "profondo" delle realtà da raccontare”.

Anche le redazioni di Sanremo News e Imperia News si associano alle condoglianze alla famiglia.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium