/ Economia

Economia | 29 marzo 2019, 12:00

Marco Giampaolo e Fabio Quagliarella: i trascinatori della Sampdoria che sogna l’Europa

A 10 giornate dal termine della stagione, la Sampdoria, grazie ai nove punti conquistati nelle ultime quattro giornate di campionato, si trova a ridosso dal sesto posto attualmente occupato dalla Lazio

Marco Giampaolo e Fabio Quagliarella: i trascinatori della Sampdoria che sogna l’Europa

A 10 giornate dal termine della stagione, la Sampdoria, grazie ai nove punti conquistati nelle ultime quattro giornate di campionato, si trova a ridosso dal sesto posto attualmente occupato dalla Lazio e sogna concretamente, come mai avvenuto negli ultimi anni, il ritorno in Europa. Gli artefici di questa cavalcata trionfale della squadra ligure sono senza ombra di dubbio Marco Giampaolo e Fabio Quagliarella. Mentre il primo, dopo aver fatto intravedere negli anni passati le sue straordinarie doti da allenatore, si sta confermando anche in questa stagione come uno dei tecnici più interessanti di tutto il panorama calcistico europeo, il secondo è già alla sua miglior stagione in carriera e, grazie alle sue incredibili prestazioni in campionato, ha ritrovato anche la maglia della nazionale maggiore.

 

Marco Giampaolo e le sue idee

Nel calcio, si sa, piacere a tutti è un'impresa quasi impossibile, ma le critiche mosse negli ultimi tempi dai tifosi doriani nei confronti del proprio allenatore, hanno il sapore di una beffa. Difficilmente, ad inizio stagione, era preventivabile che la Sampdoria, a 10 giornate dal termine, potesse essere seriamente e concretamente in lotta per un posto in Europa League. Grazie alle intuizioni del tecnico originario di Giulianova, invece, i doriani sono riusciti ad attestarsi come una delle più liete sorprese d'inizio di campionato e, anche dando un’occhiata alle quote attuali delle scommesse online, sono tra i favoriti assoluti nella volata alla conquista dell’Europa. Quello proposto dalla squadra allenata da Giampaolo è un gioco fatto di tecnica, qualità, idee e verticalizzazioni che, in un calcio da sempre troppo attento alla fase difensiva come quello italiano, sembra quasi fuori contesto. Oltre al bel calcio, per la gioia di tutti i tifosi doriani, negli ultimi tempi stanno giungendo anche i risultati e la sensazione è che davvero la Samp possa lottare sino alla fine per il raggiungimento dell’obiettivo europeo.

 

La rinascita di Fabio Quagliarella

I successi della Sampdoria passano inevitabilmente dalla definitiva consacrazione di un talento che, per varie ragioni, non è mai riuscito ad esprimersi sui palcoscenici che, con ogni probabilità, avrebbe meritato. Stiamo ovviamente parlando di Fabio Quagliarella che, lasciatosi alle spalle i problemi extracalcistici che negli anni passati ne hanno condizionato il rendimento, a 36 anni suonati, è alla miglior stagione della sua carriera. Con le sue 21 reti realizzate in campionato, ad oggi, è il capocannoniere della Serie A e, grazie alle sue straordinarie prestazioni, è riuscito a riguadagnarsi la maglia da titolare anche nella nuova nazionale allenata da Roberto Mancini. Grazie alla doppietta realizzata nell’ultima partita disputata dagli azzurri contro il Liechtenstein, Quagliarella, a 36 anni e 43 giorni, è divenuto il calciatore “più anziano” ad andare a segno con la maglia della nazionale. La sensazione, tuttavia, è che il bomber campano non abbia alcuna attenzione di accontentarsi e che questo record sia destinato ad essere riscritto nei mesi a venire. Il campionato volge al termine e la Sampdoria, guidata da Quagliarella e Giampaolo, è pronta a dare tutta sè stessa per il raggiungimento della qualificazione alla prossima edizione della Europa League. Da amanti di questo magnifico sport, pertanto, non ci resta che goderci questo finale di stagione, nella speranza che possa essere ricordato come uno dei più avvincenti degli ultimi anni.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium