/ Politica

Politica | 29 marzo 2019, 19:06

Imperia: il 'fattura gate' in discussione segreta, Ponte "Un consigliere non può essere appaltatore di Go Imperia, lo dice la legge" (Video)

Coinvolti i rappresentanti della maggioranza Giovanni Montanaro e Giuseppe Falbo

Imperia: il 'fattura gate' in discussione segreta, Ponte "Un consigliere non può essere appaltatore di Go Imperia, lo dice la legge" (Video)

Il fattura gate, così ribattezzato dalla capogruppo del Movimento 5 Stelle Maria Nella Ponte, approda nel Consiglio Comunale di Imperia con una discussione segreta a porte chiuse.

Al centro del dibattito "le situazioni di incompatibilità e i rapporti eventualmente in essere dal giugno 2018 tra consiglieri comunali, componenti della Giunta, Sindaco e il Comune di Imperia o sue società partecipate".

In particolare i consiglieri comunali coinvolti sono Giuseppe Falbo di Area Aperta e Giovanni Montanaro di Imperia Insieme, entrambi di maggioranza. Differente la situazione del consigliere Paolo Ornamento di Obiettivo Imperia che avrebbe solamente emesso fattura a Go Imperia in qualità di elettricista senza alcun appalto in corso.

Falbo ha già annunciato la sua decisione di rinunciare all'appalto di pulizia con la sua ditta Clean Star per continuare a ricoprire la posizione di consigliere comunale mentre rimane in bilico la posizione di Montanaro.

Sull'argomento è intervenuta, prima della discussione, Maria Nella Ponte che ha richiesto l'inserimento del punto all'ordine del giorno:

"La posizione del Movimento 5 Stelle è assolutamente chiara – ha esordito. La legge parla chiaro ed è incontrovertibile, esiste incompatibilità. La società Go Imperia è partecipata al 100% del Comune, il Comune esercita il controllo analogo gli ha affidato senza gara d’appalto, perché prolungamento stesso dell’ente, la gestione dei porti e dei parcheggi. Non ci sono dunque modi per definire la Go Imperia soggetto terzo rispetto al Comune, non si può essere contemporaneamente consigliere comunale e appaltatore della Go Imperia".

In caso di mancate dimissione del consigliere Montanaro: “La legge prevede una serie di casi tra i quali il diritto di ciascun cittadino di poter stimolare l’attività della Prefettura per richiedere la decadenza automatica del consigliere in questione. Trarremo le nostre conclusioni dopo la discussione, che sarà segreta, in base a quale sarà la posizione del suddetto consigliere".  

Lorenzo Bonsignorio

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium