/ Attualità

Attualità | 05 agosto 2019, 07:11

Pigna: la protagonista della famosa serie 'Il trono di Spade' ha trascorso le vacanze in Val Nervia, tuffo nel Rio Carne (Foto)

Emilia Clarke, la 'madre dei draghi' ha immortalato la sua presenza sul torrente, noto per le diatribe sulla costruzione della mini centrale idroelettrica.

Pigna: la protagonista della famosa serie 'Il trono di Spade' ha trascorso le vacanze in Val Nervia, tuffo nel Rio Carne (Foto)

Se non fosse che lo scorso maggio milioni di telespettatori in tutto il mondo assistevano all’ultima puntata del “Il trono di spade”, si potrebbe pensare che Pigna e dintorni siano stati scelti come un nuovo set della serie più seguita degli ultimi anni.

In questi giorni proprio nell’entroterra ligure e per la precisione a Pigna, Castelvittorio e soprattutto sul Rio Carne, la Kaleesi alias Emilia Clarke ha trascorso alcuni giorni di vacanza. Molto noto nella nostra provincia per le lotte degli ultimi mesi contro la costruzione di una mini centrale idroelettrica, il piccolo torrente è stato visitato dall’attrice che ha incantato gli appassionati della serie, trasmessa in Italia da Sky.

Emilia Clarke, la ‘madre dei draghi’ si è dilettata a fare la pasta a mano come ha scritto lei stessa nel suo profilo Instagram: “Si ho fatto la pasta: niente macchine niente Masterchef, solo una bottiglia di vino. Poi una bella giornata sui massi attigui al Rio Carne, dove non è mancato ovviamente un tuffo per sfuggire alla calura.

C’è anche chi scommette di averla vista a Sanremo e, anche se di questo non abbiamo conferma, è molto facile che dalla Val Nervia l’attrice non abbia disdegnato una capatina nella città dei fiori, sicuramente la più nota dell’intera provincia e conosciuta anche da lei. Ma, secondo quanto Emilia Clarke ha direttamente dichiarato è stata proprio Pigna la ‘base’ della sua breve vacanza nell’estremo ponente. Una conferma, se ce ne era ancora bisogno, che le valli sono sempre particolarmente apprezzate per le loro bellezze naturali, la qualità del cibo e l’accoglienza.

Stefania Orengo - Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium