/ Politica

Politica | 19 settembre 2019, 15:03

Imperia: bagarre in commissione capigruppo, bocciata la proposta di discussione sull'Isah, la maggioranza: "Non buttiamola in caciara"

“Abbiamo incontrato diversi dipendenti, dai quali abbiamo saputo che ci sono state oltre venti richieste di mobilità. – spiega il consigliere di 'Vince Imperia' Davide La Monica a Imperia News

Imperia: bagarre in commissione capigruppo, bocciata la proposta di discussione sull'Isah, la maggioranza: "Non buttiamola in caciara"

Conferenza dei capigruppo accesa, oggi pomeriggio a Imperia per la decisione della maggioranza di non inserire la discussione sull’Isah il prossimo consiglio comunale del 27 settembre. La richiesta era arrivata dall’opposizione perché il 30 settembre è il termine ultimo oltre il quale non si potrà revocare la modifica statutaria dell’ente, che da pubblico diventerà privato.

La proposta è stata però bocciata, con il voto contrario in commissione, anche del Sindaco Claudio Scajola.

Abbiamo incontrato diversi dipendenti, dai quali abbiamo saputo che ci sono state oltre venti richieste di mobilità. – spiega il consigliere di 'Vince Imperia' Davide La Monica a Imperia News -  Come minoranza avevamo già chiesto una commissione consiliare, in cui il presidente Stefano Pugi e il direttore Luca De Felice ci avevano garantito che la situazione dei dipendenti e la qualità del servizio offerto non avrebbero avuto ripercussioni, invece abbiamo purtroppo accertato che la situazione è completamente diversa, e cioè che i dipendenti sono in rivolta, perché hanno superato un concorso pubblico, e dopo la trasformazione diventeranno dipendenti privati. Ci sono dipendenti che hanno passato il concorso a Bari e hanno scelto di venire a fare i dipendenti pubblici a Imperia. venendo a mancare tutte queste professionalità, il servizio avrà delle ripercussioni. Noi, senza nessuna polemica, ma con spirito di massima collaborazione, abbiamo chiesto di discuterne in Consiglio Comunale. La maggioranza, dopo un consulto hanno chiesto al Sindaco, che è venuto, e insieme hanno votato contro la nostra proposta”.

La proposta della maggioranza – ha replicato il presidente del consiglio comunale Pino Camioloera quella di fare una commissione, che sarà convocata entro il 30, in cui ci saranno tutte le parti in causa di questa vicenda. La minoranza ha invece chiesto di inserire la discussione in consiglio. Poco dopo è arrivato il Sindaco, che passava nei pressi della sala commissioni, è entrato e ha ribadito quello che la maggioranza stava sostenendo, spiegando di voler evitare che la discussione sfociasse in caciara”.

La nostra preoccupazione è soprattutto nei confronti delle famiglie che si troverebbero da un momento all’altro persone che non hanno avuto a che fare con i propri ragazzi. Abbiamo fatto mettere a verbale che ci sia stata negata la commissione. È arrivata anche una proposta da un consigliere di maggioranza che ha fatto innervosire tutti, ovvero di inserire la discussione in un consiglio dopo il 30, a termine già scaduto”, spiega ancora La Monica.

Camiolo rassicura che il presidente della commissione quarta Antonello Motosso e l’Assessore Luca Volpe saranno informati oggi della volontà di organizzare l'incontro entro il 30. “Ci è sembrata la soluzione migliore, anche per permettere più interventi delle persone coinvolte. Ovviamente nel caso in cui dalla commissione fuoriuscissero pareri negativi sulla trasformazione dello statuto, ci sarebbe la possibilità di fare pressione presso la Regione perché annulli la decisione di privatizzare”. Un’ipotesi, quest’ultima al momento remota.

Il Consiglio del 27, che inizierà alle 17.30, fatte salve le question time dell’opposizione, vedrà otto argomenti all’ordine del giorno: l’aggiornamento del piano triennale dei lavori pubblici, la discussione sul bilancio consolidato, due variazioni di bilancio, un accordo con il Comune di San Lorenzo al Mare per la realizzazione di opere di urbanizzazione e aree artigianali mediante l’utilizzo di inerti provenienti dagli scavi per la realizzazione della galleria da San Lorenzo al Mare a Imperia nell’ambito dei lavori per la nuova ferrovia a monte San Lorenzo al Mare-Andora, una modifica parziale a una deliberazione del consiglio comunale dello scorso 29 luglio e la concessione del campo da rugby a Baitè.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium