/ Politica

In Breve

venerdì 27 novembre
giovedì 26 novembre

Politica | 25 ottobre 2019, 13:29

Imperia: foto di Mussolini nel cantiere di Galleria Gastaldi, Saluzzo “Sconcertanti i commenti sui social”

“Se in una città che tanto ha subito dal fascismo, in una Provincia che ha una medaglia doro figlia del sangue di mille cittadini, può sembrare normale mettere la foto del duce in macchina c’è qualcosa che non va. Su questo dobbiamo attentamente riflettere, tutti”

Imperia: foto di Mussolini nel cantiere di Galleria Gastaldi, Saluzzo “Sconcertanti i commenti sui social”

Il consigliere comunale di Imperia di Tutti Imperia per Tutti Roberto Saluzzo, torna sulla vicenda della foto di Benito Mussolini esposta sul parabrezza di un camion che svolge i lavori di riqualificazione in galleria Gastaldi.

La foto è stata rimossa dopo l'intervento della Digos e dell'amministrazione comunale. Saluzzo ritiene eccessiva la richiesta, avanzata da alcuni, di revoca dell'appalto alla ditta, ma al tempo stesso sottolinea la gravità di alcuni commenti riportati sui social alle notizie diffuse dai giornali online locali.

 

"La plateale esposizione di una foto di Benito Mussolini in posa ducesca - scrive Saluzzo - sul parabrezza di un camion della ditta che esegue i lavori in galleria Gastaldi a Imperia e le successive polemiche che il gesto ha provocato, ci impongono alcune riflessioni.

È corretto e opportuno che le autorità competenti abbiano provveduto a far rimuovere la foto e che verifichino la sussistenza di responsabilità in capo all’autore materiale del fatto. Ma al di là della condanna dell’azione e di eccessive pretese punitive, la revoca dell’appalto alla ditta non sta giuridicamente né in cielo né in terra, semmai si chieda alla ditta di agire verso il proprio dipendente con provvedimento disciplinare. Ciò che colpisce e sconcerta maggiormente ci sembrano gli scomposti e inquietanti commenti di molti cittadini sul web e sui social. Una diffusa giustificazione e assoluzione dei un gesto che nella nostra città e nel Paese non dovrebbe aver alibi alcuno. Un atteggiamento diffuso che tende a riabilitare uomini e idee criminali in un humus figlio di una cultura politica recente che segue schemi antichi e che evidentemente raccoglie i primi frutti degli orridi semi sparsi. Se in una città che tanto ha subito dal fascismo, in una Provincia che ha una medaglia doro figlia del sangue di mille cittadini, può sembrare normale mettere la foto del duce in macchina c’è qualcosa che non va. Su questo dobbiamo attentamente riflettere, tutti".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium