/ Cronaca

Cronaca | 26 febbraio 2020, 12:25

Imperia: processo per la morte di Bohli Kayes, assolti i due Carabinieri dall'accusa di omicidio colposo

Il Pm, nell'udienza del 27 gennaio aveva già chiesto l'assoluzione.

Imperia: processo per la morte di Bohli Kayes, assolti i due Carabinieri dall'accusa di omicidio colposo

Sono stati assolti, perché il fatto non costituisce reato, Gianluca Palumbo e Fabio Ventura, i due carabinieri accusati di omicidio colposo per la morte del tunisino Bohli Kayes. La sentenza è stata pronunciata pochi minuti fa dal giudice Laura Russo al termine di una camera di consiglio durata circa un'ora e mezza.

Prima della sentenza le parti avevano discusso nuovamente, attenendosi però alle richieste avanzate durante la scorsa udienza. Significativa la richiesta di assoluzione del pubblico ministero Lorenzo Fornace, che però non è stata del tutto accolta. Il pm aveva chiesto l'assoluzione perché il fatto non sussiste, mentre l'assoluzione perché il fatto non costituisce reato dà margine alla parte civile rappresentata dagli avvocati Paolo Burlo e Bruno Di Giovanni, per un appello in sede civile.

Ora resta da attendere le motivazioni del giudice alla sentenza di questa mattina.

Bohli era morto la sera del 5 giugno 2013 in seguito a un arresto concitato nel parcheggio del supermercato Lidl di Riva Ligure. 

Per l’accusa, sostenuta in un primo tempo dall’allora procuratore di Sanremo Roberto Cavallone, corroborato da una perizia del medico legale Francesco Traditi,  i due militari avrebbero esercitato un’eccessiva pressione tanto da indurre la morte di Bohli per asfissia. Asfissia che però, contrariamente a quanto aveva sostenuto Traditi, per il consulente nominato dal giudice, Lorenzo Varetto sarebbe da escludere.

Francesco Li Noce

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium