/ Al Direttore

Al Direttore | 23 maggio 2020, 09:40

Coronavirus presente in Liguria già da dicembre: un lettore non gradisce le ultime dichiarazioni di Toti

Coronavirus presente in Liguria già da dicembre: un lettore non gradisce le ultime dichiarazioni di Toti

Un nostro lettore, Lorenzo Vaicelli, ci ha scritto per commentare le ultime esternazioni del Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti:

"Premetto che non trovo alcun conforto nel quotidiano stillicidio delle sue conferenze stampa, tempo che potrebbe impiegare in modo più proficuo, data la situazione della Regione e del paese. É stato da più parti rilevato come questa sua invadenza mediatica non abbia riscontro in altre regioni italiane, dove evidentemente i Presidenti di Regione operano nell'ambito delle competenze e delle funzioni loro assegnate, ma fuori dai riflettori. Pare quasi che il Presidente Toti si veda come il supremo e benevolo leader di un organismo che, tuttavia, sono certo avrebbe lavorato e reagito alla presente emergenza anche in assenza del suo preteso decisionismo. Ma la goccia che mi ha costretto a scrivere é la decisione di puntare i riflettori sulla Liguria come regione capofila del contagio. In un'insensata corsa all'autocelebrazione, afferma che ci sono evidenze della presenza del Virus ben prima di Codogno, risalenti addirittura alla fine dello scorso anno.
Per corroborare questa sua teoria, riporta con malcelato entusiasmo casi del dicembre 2019 di donatori di sangue positivi agli anticorpi del covid 19 e referti di esami diagnostici svolti nell'asl Genovese. Il fine di questa assurda iniziativa pubblicitaria sembrerebbe incensare l'azione degli operatori sanitari delle eccellenze ospedaliere liguri, sotto la sua guida di presidente di regione. L'unico risultato a mio parere é però quello di aver indicato noi Liguri come possibili untori di altre regioni, con evidenti ripercussioni sull'immagine turistica e non solo del territorio.
Perché affermazioni come questa sono state prontamente riportate da Repubblica e altri quotidiani, e inevitabilmente arriveranno ai media d'oltralpe, da cui tanto dipende il nostro tessuto socio-economico. In quanto non sono medico, non sono affatto certo che esistano 'untori' e ammorbati facilmente identificabili. Ma sono però sicuro che questo passo falso non aiuti il lavoro dei Liguri che Toti dice di avere tanto a cuore".

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium