/ Attualità

Attualità | 01 giugno 2020, 08:39

Con l'Imperia Rugby Union Riviera oggi si torna a parlare di sport al 'Pino Valle' con i primi allenamenti

Al momento il protocollo di allenamento è giustamente severo e si lavorerà soprattutto su fasi atletiche, di cosa, di destrezza.

Con l'Imperia Rugby Union Riviera oggi si torna a parlare di sport al 'Pino Valle' con i primi allenamenti

Primo sport a chiudere i battenti in tutta Italia, salvo che per le franchigie professionistiche del Pro 14, e ora tra i primi sport a riprendere, con protocolli meditati e revisione delle regole, sia pure in modo momentaneo.

Si parla di rugby. Sport di collisione, ma capace di mettersi in discussione, sempre, in momenti epocali, storici, come quelli che si vivono in questi mesi. Si è detto di quanto è diverso il rugby rispetto ad altri sport professionistici: molti giocatori hanno lavorato come volontari in campo sanitario. Oggi si torna in campo e questo succede anche ad Imperia con la società Imperia Rugby-Union Riviera Rugby.

E’ stato fatto molto lavoro formativo e si sono realizzate sessioni di allenamento in diretta digitale così come in modalità dispensa video. Insomma, non ci sono poi tutti quei giocatori arrugginiti. Detto questo, si è passati alla progettazione delle modalità di allenamento, con un’organizzazione puntualmente guidata, ad Imperia, da Alessandro Castaldo, tecnico della under 12 e mediano di mischia e utility back della franchigia provinciale ligure occidentale, la Union Riviera Rugby.

Facendo tesoro di tutte le direttive impartite dalla Federazione Italiana Rugby (protocollo scaricabile QUI), anche il sistema Imperia Rugby-Union Riviera Rugby scalda i motori: si comincia giovedì 4 giugno con un primo allenamento. Orario previsto, dalle 18.30 alle 20 per i settori propaganda e fino alla under 14. Si prevede poi un rientro di under 16, under 18 e seniores per la settimana successiva. Di fatto, si comincia con grande anticipo a preparare la stagione entrante, la 2020-2021. Qualunque sia e comunque si giochi.

Al momento il protocollo di allenamento è giustamente severo e si lavorerà soprattutto su fasi atletiche, di cosa, di destrezza. Sulla velocità, sui piccoli gruppi e senza contatto tra gli atleti. Le prospettive per il futuro immediato sono quelle di un gioco forse un po’ snaturato nelle fasi statiche, dove si giungeva a contatti prolungati. Però si presenterà assai più veloce e spettacolare in prospettiva. I puristi non storcano il naso: si fa di necessità virtù. La pélouse del Pino Valle è in ottime condizioni, l’accesso è permesso ad atleti e tecnici. In prospettiva, comunque, è anche il momento per venire a vedere, appassionarsi al rugby, magari di provare, con le dovute cautele.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium