/ Attualità

Attualità | 16 giugno 2020, 07:11

Imperia, celebrato il primo divorzio "on line": le parti collegate anche da Sanremo, Milano e Firenze

Questo tipo di modalità rientra nelle misure varate dagli uffici giudiziari volte a contenere il contagio da coronavirus. L'avvocato Luca Fucini: "Organizzazione efficiente. Diminuiti drasticamente sia i tempi che i costi"

Imperia, celebrato il primo divorzio "on line": le parti collegate anche da Sanremo, Milano e Firenze

Celebrato il primo divorzio on line. Quattro le città che in contemporanea hanno celebrato l'udienza: Imperia, Sanremo, Milano e Firenze. In un quarto d’ora si è proceduto infatti, a svolgere una delle cause più delicate vista la tematica trattata. Da Imperia era collegato il presidente del Tribunale, Eduardo Bracco, da Sanremo l’avvocato Marco Todaro dello studio legale Fucini, che ha assistito la donna mentre quest’ultima era in collegamento da Milano ed infine, da Firenze c’era l’avvocato Mazzoni che rappresentava colui il quale si può adesso chiamare l’ex marito.

Considerate le disposizioni varate dagli uffici giudiziari, volte al contrasto e alla prevenzione del contagio da coronavirus, per questo tipo di udienze si è dato quindi avvio alla celebrazione via web in modo da assicurare da un lato, lo svolgimento delle stesse e dall’altro, la sicurezza per la salute di tutte le parti, gli avvocati, giudici, pm e cancellieri.

“Si è realizzato lo smart working giudiziario - ha dichiarato l’avvocato Luca Fucini - e tutto si è svolto in maniera efficiente grazie all’organizzazione attuata dal presidente Bracco. In un lasso di tempo breve si è proceduto a celebrare un’udienza che in tempi ordinari avrebbe comunque impiegato almeno una mattinata a svolgersi con notevoli costi di tempo, ma anche quelli collegati ai viaggi che tutte le parti avrebbero dovuto sostenere. Questo tipo di organizzazione- sottolinea il legale Fucini- potrebbe essere il futuro per tante pratiche giudiziarie in ambito civilistico. Per quanto riguarda il settore penale invece, ritengo che- ha concluso- non sia possibile attuare questa modalità poiché il processo è basato sull’oralità e quindi se ne svilirebbe la sacralità dello stesso”.

Non è solo una questione di comodità, di tempo e di denaro. Certo il retroscena che c'è dietro alle cause di separazione o divorzio non è mai roseo, ma a conti fatti con questo tipo di modalità si potrebbe risolvere anche un altro "problema". Ossia quello di non dover affrontare di persona una delle parentesi più dolorose che una coppia possa vivere. Ciò non vuol dire scappare dalle proprie responsabilità, ma semplicemente "risparmiare" a se stessi ulteriori momenti di sofferenza per lo scioglimento di uno dei vincoli più sacri. Con il "divorzio on line", qualora si prosegua su questa strada, il tutto non sarà indolore, ma di certo sarà rapido. 

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium