/ Cronaca

Cronaca | 10 luglio 2020, 07:11

Finto sondaggio telefonico ad Imperia e provincia: la protezione civile e le forze dell'ordine mettono in guardia

Molti i casi segnalati in cui sedicenti membri paventavano un'indagine sull'uso delle mascherine e degli igienizzanti per carpire informazioni personali e sulla composizione della famiglia. Il questore Milone: "C'è la massima attenzione"

Finto sondaggio telefonico ad Imperia e provincia: la protezione civile e le forze dell'ordine mettono in guardia

Sono giorni che molti cittadini di Imperia e provincia ricevono alcune telefonate 'sospette'. L’allarme che corre in città, ma anche sui social, è quello relativo a sedicenti appartenenti alla protezione civile che chiamano con l’anonimo al numero fisso,per chiedere informazioni relative all’uso delle mascherine, delle soluzioni igienizzanti, ma anche da quanti membri è composto il nucleo familiare e se sono presenti anziani over 65. La Regione, la provincia o il comune di Imperia, così come altre amministrazioni comunali, non hanno disposto tramite le sedi della protezione civile questo tipo di sondaggio. Abbiamo anche contattato il call center della protezione civile nazionale e ci è stato confermato dal funzionario addetto che non esiste alcun tipo di iniziativa in proposito.

Truffa? Tentativo di acquisizione di dati sensibili? O peggio, tentativo di carpire informazioni per poi commettere reati quali furti e rapine? Il dubbio prende consistenza. Al momento, però non sono state sporte denunce formali né ai Carabinieri né alla Polizia, come confermatoci dal questore di Imperia Pietro Milone e dal comandante della Compagnia dei Carabinieri imperiese, il tenente colonnello Pierluigi Giglio.   

“Non ci sono arrivate questo tipo di segnalazioni, ma comunque verificheremo- afferma alla nostra testata il Questore Milone. Approfondiremo la situazione  poiché episodi simili non possono essere tralasciati. Se qualcuno registra episodi simili può riferirlo e subito ci attiveremo”. L’attenzione delle forze dell’ordine infatti, è massima anche perché occorre tutelare soprattutto le fasce deboli della popolazione come gli anziani, vittime troppo spesso di tentativi di raggiro.

“A nessun tipo di livello esiste questa iniziativa- dichiara invece, l’assessore regionale con delega alla protezione civile Giacomo Giampedrone, non è questo il nostro modo di lavorare né quello della protezione civile in generale. Quindi chi riceve questo tipo di telefonate deve prestare attenzione poiché potrebbe esserci uno scenario diverso. È evidente che non è un sondaggio informativo. La protezione civile non opera con queste modalità. Invito pertanto tutti i cittadini a non fornire alcun dato e a segnalare il tutto alle autorità competenti”.

Sulla stessa linea l’assessore di Imperia con delega alla protezione civile Simone Vassallo il quale, anche lui, ci conferma che “il comune non ha commissionato alcun sondaggio quindi se qualcuno si spaccia come membro della protezione civile comunale non dice il vero. Tutti i cittadini sono pregati di prestare attenzione ad eventuali casi e di denunciare alle forze dell’ordine”.

Angela Panzera

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium