/ Imperia Città

Imperia Città | 14 agosto 2020, 11:00

Quintali di rifiuti raccolti in tutta la provincia con la sfida 'green' internazionale “Plastic Hunt” (Foto)

Al lavoro i volontari de "I Deplasticati" di Sanremo, "Io adesso salvo il mare" e "Bordieventi" di Bordighera e "I Delfini del Ponente" di Imperia

Le immagini della "Plastic Hunt" in provincia

Le immagini della "Plastic Hunt" in provincia

Si è conclusa questa notte Plastic Hunt, la caccia alla plastica partita il 9 agosto e che ha visto impegnate 183 squadre sparse in 68 nazioni. Una 'sfida' a livello globale che servirà agli organizzatori dell'evento per raccogliere dati e numeri, purtroppo sempre troppo alti per quanto riguarda i rifiuti abbandonati sulle spiagge, in riva ai torrenti e nelle aree verdi.

Sanremo ha visto protagonisti "I Deplasticati", con una squadra formata da 23 volontari, che ha raccolto dalla spiaggia libera dei Tre Ponti, all'incirca 4 quintali di rifiuti: in mezzo agli scogli sono stati trovati, oltre alle immancabili bottiglie di plastica e di vetro e alle centinaia di mozziconi, anche barre di ferro arrugginito, un materasso, uno pneumatico e svariati metri di tubo in polipropilene.

A Bordighera l'associazione "Io adesso salvo il mare" nella zona del porto, ha raccolto 40 kg di plastica e oltre 20 di spazzatura di vario genere compresi un televisore ed una sedia. Più o meno lo stesso triste bottino, sempre a Bordighera, è stato portato alla luce da "Bordieventi" sulla scogliera di Sant'Ampelio.

A Imperia è entrata in azione la squadra de "I Delfini del Ponente", che ha ripulito il parco urbano liberandolo da circa 80 kg di rifiuti.

Al di là della soddisfazione per la nostra provincia, che ha messo in campo quattro gruppi di volontari - commenta Barbara Blengino per "I Deplasticati" di Sanremo - resta comunque una grande amarezza quando si constata una volta di più, la totale mancanza di amore e rispetto per il territorio e il  mare che, non dimentichiamolo, sono la principale ricchezza di questo nostro piccolo, preziosissimo angolo di Liguria: sono ancora troppi quelli che considerano una spiaggia o la riva di un fiume o addirittura un parco cittadino alla stregua di una discarica sentendosi autorizzati ad abbandonarvi  ogni sorta di rifiuto”.

Nei prossimi giorni dal sito plastichunt.weblue.org vedremo quale sarà la squadra vincitrice della sfida, ovvero quale delle 183 che hanno partecipato, avrà raccolto più plastica.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium