/ Cronaca

Cronaca | 14 settembre 2020, 13:31

Carceri liguri: nuova aggressione alla Polizia Penitenziaria nel carcere di Sanremo. Il SAPPe Liguria: “Ora basta!"

Il segretario Michele Lorenzo: "In nostra difesa non c'è nessuno. Con la pistola teaser questo non sarebbe accaduto!"

Carceri liguri: nuova aggressione alla Polizia Penitenziaria nel carcere di Sanremo. Il SAPPe Liguria: “Ora basta!"

Nuova aggressione nel carcere di Sanremo, due agenti brutalmente aggrediti da un detenuto di origine keniota.

“È sconcertante –
annuncia il SAPPe Liguria attraverso il segretario regionale Michele Lorenzo –. Il tutto è accaduto nell’area degli uffici dove il detenuto si era recato per una visita medica. Al termine della visita il detenuto si è rifiutato di far rientro in cella e quindi ha aggredito l’agente che lo accompagnava colpendolo con un pugno in faccia. Stessa sorte è toccata ad un altro agente intervenuto per soccorrere il collega cercando di ricondurlo alla calma e non infierire nei confronti del collega. Di tutta risposta il detenuto proveniente dal Kenia con fine pena 2025, ha sferrato un violento calcio nei confronti dell'altro poliziotto. L’episodio, considerata la caratteristica di pericolosità, ha richiesto l’intervento di altri agenti riuscendo così a relegare il detenuto in una cella di attesa. Al momento i due poliziotti sono stati sottoposti alle cure ospedaliere mentre il detenuto, illeso, è tranquillo nella sua cella. Auguriamo una pronta guarigione ai colleghi intervenuti, sono i nostri piccoli eroi e nessuno vuole riconoscere il loro sacrificio.

Il SAPPe della Liguria torna nuovamente nel delicato problema della gestione dei detenuti che presentano problemi psichiatrici, nella loro gestione senza nessun psichiatra che possa seguirli, il che determina l’inadeguatezza della loro detenzione e nel contempo chiede la dotazione di strumenti tecnologici, come la pistola teaser, per fronteggiare questi episodi di violenza.

“Non possiamo – afferma Lorenzo – continuare a gestire questi detenuti, il compito della Polizia Penitenziaria è assicurare sicurezza non ricevere cazzotti e calci da parte dei detenuti. Nel carcere di Sanremo è impossibile garantire sicurezza anche per l’assenza di un comandante che esprima il meglio di se a tutela del personale.
È giunto il momento di chiedere l’avvicendamento sia del comandante che del direttore –
afferma il segretario regionale del SAPPe – sono lontani da una politica gestionale dell’istituto che dovrebbe essere improntato sulla sicurezza ed invece non lo è".

Il Sappe annuncia che ricorrerà ad una serie di proteste per richiedere l’intervento del capo del dipartimento Dr. Bernardo Petralia ed del Provveditore regionale Dr. D’andria.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium