/ Attualità

Attualità | 16 settembre 2020, 13:30

Imperia: smontata l'altalena per i ragazzi diversamente abili, lettera aperta della 'Giraffa a Rotelle'

“Chiediamo di poter, in brevissimo tempo di montare l'Altalena nella zona di competenza del bar, una zona protetta".

Imperia: smontata l'altalena per i ragazzi diversamente abili, lettera aperta della 'Giraffa a Rotelle'

Lettera aperta all'Amministrazione di Imperia dall’associazione ‘La Giraffa a rotelle’ alla ricerca di aiuto per far tornare il sorriso sul volto di chi lotta ogni giorno per avere una vita dignitosa.

“Ieri nei pressi del bar del Parco Urbano di Imperia – scrive la ‘Giraffa’ - chiedevamo il rispetto dei diritti umani per le persone con disabilità, insieme a tanta gente parlavamo di umanità, chiedevamo aiuti e rispetto. Dall'altra parte, in silenzio, venivano tolti i giochi dei bambini per il restyling del parco, tra cui l'altalena inclusiva, molto ma molto più di un gioco, un simbolo di solidarietà e amore, abbiamo comprato l'altalena con l'aiuto di moltissimi cittadini, tante attività commerciali  e associazioni hanno contribuito a realizzare questo sogno”.

“Il 10 settembre scorso – prosegue l’associazione - sapendo dei lavori imminenti che dureranno a lungo, abbiamo avuto un incontro con l'amministrazione ed abbiamo chiesto all'Assessore competente il permesso di spostare l'altalena nella zona di competenza del bar. Le spese di montaggio le avremmo sostenute noi ed il bar, lì ci sono telecamere e controlli continui, ed i ragazzi in sedia a rotelle avrebbero potuto continuare a giocare, a sorridere con gli altri bambini. Avevamo ‘pregato’ di avvisarci prima di toglierla, almeno da poter far giocare un ultima volta i ragazzi e spiegare loro cosa stesse succedendo. Niente di tutto questo e ieri, quando Matteo ha voluto farci un giro, quello che i suoi occhi hanno visto è stato un mucchio di transenne, l'ennesimo no di una città che nel concreto ci lascia sempre indietro!”

“Chiediamo di poter, in brevissimo tempo – termina la ‘Giraffa’ - di montare l'Altalena nella zona di competenza del bar, una zona protetta. Chiediamo di riaccendere il sorriso di Matteo e di tutte le persone che amano quell'altalena, che amano vivere con gli altri  e non ai margini della società”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium