/ Cronaca

Cronaca | 17 settembre 2020, 15:43

Ponente Forever, scena muta per quasi tutti gli arrestati davanti al gip. Domani l'interrogatorio di Sgrò

Gli interrogatori si sono svolti questa mattina in teleconferenza. Gli arrestati li hanno seguiti dalle carceri di Imperia e Sanremo, mentre i loro avvocati dal tribunale

Ponente Forever, scena muta per quasi tutti gli arrestati davanti al gip. Domani l'interrogatorio di Sgrò

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere davanti al gip Massimiliano Botti, sette delle otto persone ascoltate questa mattina nell'ambito dell'operazione denominata 'Ponente Forever', condotta dai carabinieri che hanno messo a segno una serie di arresti per detenzione e traffico di armi e stupefacenti, fabbricazione e possesso di documenti d’identità falsi e procurata inosservanza di pena aggravate dalla modalità mafiosa. L'operazione è stata condotta insieme alle autorità francesi che invece, hanno emesso provvedimenti per 32 persone accusate di banda armata, associazione finalizzata all’importazione ed esportazione di stupefacenti e armi, riciclaggio e rapina.

Gli interrogatori si sono svolti questa mattina in teleconferenza. Gli arrestati li hanno seguiti dalle carceri di Imperia e Sanremo, mentre i loro avvocati dal tribunale.

Ad avvalersi della facoltà di non rispondre, Jacopo Vargiu, 25 anni, Walter Gambeggi, 32 anni, Mirko Lo Iacono, 33 anni, Luca Colombi, 43 anni, Simone Calvini 46 anni, Axel Carbone 24 anni e Raffaele Vitale, 50 anni, mentre Samuel Scurti, 34 anni ha reso dichiarazioni spontanee, dicendosi totalmente estraneo alla vicenda.

È atteso per domani l'interrogatorio di Carmelo Sgrò, 38enne originario della Piana di Gioia Tauro e residente da anni a Sanremo. Sgrò da un lato si sarebbe reso responsabile di molti traffici di droga, cocaina e marijuana, attraverso una vera e propria squadra di complici, e dall’altro avrebbe assicurato l’impunità al latitante Filippo Morgante, esponente apicale della ‘ndrangheta ed in particolare della cosca Gallico di Palmi, nel reggino.

Gli arrestati sono difesi dagli avvocati Alessandro Mager, Marco Bosio, Luca Ritzu, Mario Ventimiglia e Bruno Di Giovanni.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium