/ Attualità

Attualità | 22 settembre 2020, 10:41

L'ordinanza del Ministero conferma: non si può superare il confine tra Italia e Francia se non per lavoro

Al momento l'ordinanza del Ministero della Salute non riporta la possibilità, espressa ieri dal Governatore Toti, di spostarsi tra i due paesi per viaggi inferiori alle 72 ore. Dalla Regione ci è stato però confermato che, ieri durante un colloquio tra il Ministro e il Governatore, il primo ha sottolineato le due possibilità di transito per lavoratori e per viaggi sotto le 72 ore. Ora si attendono conferme ufficiali da Roma.

L'ordinanza del Ministero conferma: non si può superare il confine tra Italia e Francia se non per lavoro

I francesi che non lavorano in Francia o che non devono venire in Italia per ragioni sanitarie o particolari, non lo potranno fare. E’ questa la ‘sentenza’ che arriva nelle ultime ore sulla nostra provincia, dopo l’ordinanza emessa dal Ministero. Ma anche gli italiani non potranno andare in Francia, se non per gli stessi motivi.

L’ordinanza emessa ieri dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, è chiara e non riporta nessuna variazione alla normativa, compresa quella dei presunti viaggi inferiori alle 72 ore di cui ieri ha parlato il Governatore della Regione, Giovanni Toti. Tutto questo a meno di una modifica che possa arrivare in giornata.

La situazione è davvero surreale anche perché le autorità competenti non sono ancora riuscite a interpretare con precisione l’ordinanza che, comunque, conferma come il passaggio alla frontiera non sia possibile, come accaduto fino alla metà di giugno.

Una mazzata, se le cose non cambieranno, per l’economia di Ventimiglia e dell’intera provincia, che vivono del flusso di turisti francesi. Sono già molte, infatti, le disdette arrivate agli alberghi ma c’è preoccupazione anche tra i commercianti della città di confine e delle altre città, dove i francesi vengono per fare shopping.

Tra queste anche Sanremo, dove il martedì e sabato sono migliaia i francesi che arrivano per il mercato ambulante e non solo. Ora rimangono da capire le dichiarazioni del Presidente della Regione, Giovanni Toti, che ieri aveva parlato della possibilità di movimento attraverso il confine, per viaggi inferiori alle 72 ore. Nessuno degli enti da noi contattati ha al momento disposizioni in merito e, quindi, almeno per ora, al confine non si può passare se non si è lavoratori frontalieri o se esistono ragioni per farlo.

Dalla Regione ci è stato però confermato che, ieri durante un colloquio tra il Ministro e il Governatore, il primo ha sottolineato le due possibilità di transito per lavoratori e per viaggi sotto le 72 ore. Ora si attendono conferme ufficiali da Roma e, comunque, al momento la Costa Azzurra è equiparata ad altre nazioni europee, da dove si può entrare in Italia solo dopo aver fatto il tampone.

Files:
 Ordinanza Ministero della Salute (254 kB)
 Modulo rientro dall estero (25 kB)

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium