/ Politica

Politica | 22 settembre 2020, 14:14

Elezioni regionali, Paolo Strescino (FDI): "Triplicati i voti in provincia, grande exploit di Berrino"

Sui risultati delle altre liste, Strescino dice che si aspettava il risultato ottenuto da Marco Scajola, il più votato in tutta la regione con 7786 preferenze. “Avevo fatto una scommessa su questo e ho vinto, mi aspettavo che facesse un grande risultato”

Elezioni regionali, Paolo Strescino (FDI): "Triplicati i voti in provincia, grande exploit di Berrino"

Con il 13,76% e un consigliere eletto, Fratelli d'Italia in provincia di Imperia può vantare un risultato che ha sicuramente contribuito alla vittoria di Giovanni Toti.

Una prova di forza, forse inaspettata alla vigilia, ed è per questo che il coordinatore della campagna elettorale per Fdi in provincia di Imperia, Paolo Strescino, contattato dal nostro giornale ha voluto ringraziare tutti coloro che lo hanno accompagnato in questi mesi.

Prima di tutto i ringraziamenti vanno a Fabrizio Cravero che ha condiviso con me tutta la campagna per il partito, - dichiara Strescino – poi ai i militanti onnipresenti, anche con 40 gradi, e ai quattro candidati che hanno portato il partito a un livello davvero egregio, perchè pasare dal 4% a quasi il 14%, che è stato sfiorato è un dato significativo, e lo si deve soprattutto al grande exploit di Gianni Berrino che ha riportato un risultato importante”.

Berrino, con i suoi 3720 voti, è risultato il primo della lista, seguito un po' a sorpresa da Veronica Russo, con 1517 voti. Solo terzo Massimiliano 'Chicco' Iacobucci con 1196 preferenze. Chiude l'imperiese Sara Serafini con 534 preferenze personali.

Veronica Russo è andata molto bene, così come anche Chicco, soprattutto nella sua zona, anche se alla vigilia lo avrei visto secondo in lista. Sara Serafini aveva l'arduo compito di arginare candidati estremamente pesanti, forti e radicati che lavorano da tanti anni, e il partito nella città di Imperia ha raddoppiato i risultati. Ho visto le due donne molto cambiate dal punto di vista politico, e questo lo reputo un bene per il partito.

Ho notato segnali in comuni della provincia dove abbiamo triplicato i voti, siamo stati presenti dappertutto, nelle vallate, nelle città costiere, e in quelle più importanti. Considerato che in alcuni comuni avevamo giunte intere che non facevano votare Fdi questo ulteriore motivo di orgoglio per tutti noi
”.

L'unico piccolissimo rammarico – continua Strescino – è quello di non aver ottenuto il quarto consigliere, questo un po' dispiace ma in tutte le province Fratelli d'Italia ha ottenuto un grande risultato, soprattutto a Genova e Spezia. Voglio ricordare che il partito ha affrontato la campagna elettorale con una legge diversa e una struttura rimodulata in un mese e mezzo. Nell'analisi che deve contenere anche autocritica, vedo anche molti spunti positivi, anche se si può fare sempre di meglio, magari avendo più tempo a disposizione. Per il grande risultato va infine sottolineato il grande apporto di Giorgia Meloni, ci sono state centinaia di scheda senza preferenze, il suo nome nel simbolo è stato di fondamentale importanza”.

Sui risultati delle altre liste, Strescino dice che si aspettava il risultato ottenuto da Marco Scajola, il più votato in tutta la regione con 7786 preferenze. “Avevo fatto una scommessa su questo e ho vinto, mi aspettavo che facesse un grande risultato”.

Strescino riserva infine ulteriori ringraziamenti a Michele Scandroglio, Matteo Rosso, Iacobucci e Berrino. “Sul mio incarico hanno trovato la convergenza e mi hanno dato un'opportunità che, essendo io fuori dalla politica da cinque anni, era una scommessa per loro”.

Durante la campagna, Strescino si è speso per il suo partito, gestendo i rapporti con i media, ma anche dinamiche interne al partito. “Sono un uomo di squadra, era il mio mandato”, conclude.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium